VERSIONE MOBILE
 
 Mercoledì 7 Dicembre 2016
App
Shop
  VS  
Avellino   Benevento
[ Precedenti ]
TUTTOAVELLINO AWARD - AVELLINO-ASCOLI: CHI È STATO IL MIGLIORE?
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  

COPERTINA

Avellino - Pavia, l'analisi del giorno dopo

23.04.2012 08:28 di Rino Scioscia  articolo letto 671 volte
Avellino - Pavia, l'analisi del giorno dopo

Contro il Pavia, penultima della classe, l'Avellino è riuscito a portare a casa il punto della matematica salvezza. Ma, oggettivamente, al di là dell'opinabilità del calcio, la compagine longobarda ha fatto di tutto per non vincere un match che il campo ha dimostrato essere ampiamente alla sua portata. Ieri mattina, in sede di presentazione della partita dei Lupi contro il Pavia, avevamo ammonito circa i pericoli che l'incontro poteva presentare, soprattutto riguardo ad eventuali cali di concentrazione dei biancoverdi. Evidentemente siamo stati facili "cassandre", considerato che la supponenza e la superficialità degli uomini di Bucaro hanno determinato una prova complessivamente scialba e senza mordente. Passato quasi subito in vantaggio (grazie ad una difesa pavese assolutamente autolesionista, visto che ha dato modo a Zigoni di farsi, indisturbato,  60 metri di campo prima di trafiggere il portiere ospite, senza che nessun difensore biancazzurro si opponesse all'attaccante avellinese) l'Avellino ha praticamente rinunciato a giocare, ritenendo di poter disporre come e quando avesse voluto del derelitto Pavia. Che tanto scarso non è, atteso che dal 18' in poi è salito in cattedra un mostruoso Fumagalli, che ha negato, nel solo primo tempo, almeno 6 gol (compreso un palo clamoroso) agli sfortunatissimi attaccanti di mister Roselli. Ad un dato punto della partita è sembrato di assistere ad un Barcellona-Cesena (per citare due squadre, che, per intrinseco valore tecnico, sono agli antipodi), dove il Pavia, visto come riusciva a rinchiudere dentro la propria area la compagine avellinese, era accostabile alla stratosferica squadra blaugrana. I Lupi sono apparsi la bruttissima copia della compagine brillante che ancora contro il Foggia in casa (per citare un match del girone di ritorno, pure molto negativo per l'Avellino) aveva saputo farsi apprezzare dai propri tifosi. Sicuramente, nella prestazione assolutamente negativa degli uomini di Bucaro ha inciso, come abbiamo accennato sopra, il gol siglato in apertura di match. Ma l'avere subito per quasi tutta la gara un'avversaria meno che mediocre come il Pavia (anche se c'è da dire che gli avanti pavesi hanno mostrato buoni numeri, specie il trequartista Falco, un ragazzo del 1992) fa pensare che l'impegno e la verve agonistica dei biancoverdi ieri siano stati davvero latitanti.

Il secondo tempo ha riproposto lo stesso canovaggio tecnico-tattico visto nella prima frazione di gioco: il Pavia che premeva con veemenza ed insistenza (favorito, nel frattempo, anche dall'assenza nel centrocampo biancoverde di un combattente come D'Angelo, sostituito al 42' del primo tempo, per un'arrabbiatura di Bucaro, decisamente fuori luogo ed autolesionista) e l'estremo difensore avellinese che si opponeva in maniera mostruosa. Come in occasione del rigore calciato da Falco, che Fumagalli ha parato addirittura due volte,  Il gol dell'attaccante longobardo Marchi a metà ripresa, ancorchè paradossalmente fortunoso, non è certamente giunto inaspettato. Anzi, e lo ripetiamo ancora, si può inoppugnabilmente affermare che il Pavia, nonostante fosse partito con l'handicap del gol subito a freddo, ha gettato davvero alle ortiche la possibilità di sbancare il Partenio-Lombardi. Per certi versi questo match ha ricordato molto da vicino la sfida che  i Lupi riuscirono, molto fortunosamente, a vincere contro il Carpi (1-0) nel girone di andata. Con la non trascurabile differenza che allora l'Avellino ottenne una vittoria insperata contro l'attuale vicecapolista del campionato, mentre ieri i Lupi hanno avuto la grande fortuna di non essere sconfitti dalla penultima della classe.

Ad ogni modo, un senso positivo il pari di  ieri lo ha dato: la salvezza matematica dell'Avellino. Da dimenticare, invece, sebbene non sarà facile,  l'incredibile e riprovevole sostituzione di D'Angelo (che ieri indossava anche la fascia di capitano), operata da Bucaro, quando si era appena al 42' della partita. La decisione chiaramente punitiva del mister avellinese all'indirizzo di uno dei calciatori piu' amati dalla folla avellinese (che in tre stagioni con la maglia biancoverde si è distinto per avere sempre dato l'anima in campo), soprattuto perchè aveva quasi niente di tecnico-tattico, è sembrata oltremodo deleteria. Certamente non ha reso ulteriormente "popolare" il tecnico di Palermo. Che, se era alla ricerca di una circostanza che dimostrasse che lui non è ben voluto a molti tifosi dell'Avellino, ha saputo trovarne una molto valida. Cosi almeno, quando deciderà di togliere il disturbo, saprà di lasciare non molti rimpianti e pochi tifosi che si strapperanno i capelli per la sua partenza.


Altre notizie - Copertina
Altre notizie
 

LE DUE FACCE DI UNA SCONFITTA: AVELLINO VOLITIVO, CONDANNATO DAGLI EPISODI

Le due facce di una sconfitta: Avellino volitivo, condannato dagli episodiSe ci soffermassimo a guardare il mero risultato del campo, diremmo che purtroppo nulla è cambiato in casa Avellino, che i problemi sono più a fondo e anzi si è fatto anche un passo indietro rispetto al passato visto che su 16 punti 14 erano arrivati in casa....

IL DOPPIO EX CIOTOLA A TUTTOAV: "QUANTI RICORDI, DUE PIAZZE STUPENDE. E QUELLA FRASE DI PELLICORI..."

Il doppio ex Ciotola a TuttoAv: "Quanti ricordi, due piazze stupende. E quella frase di Pellicori..."  Avellino-Pisa, gara tra due squadre con un certo blasone e dal passato importante. A fare il punto ai nostri...

SIDIGAS, AL PALADELMAURO ARRIVA IL MEGA LEKS: SERBI DECIMATI, UNA PROBABILE ASSENZA PER I BIANCOVERDI

Sidigas, al PaladelMauro arriva il Mega Leks: serbi decimati, una probabile assenza per i biancoverdiInizia il girone di ritorno della Champions League. La Sidigas Avellino, capolista del suo girone, affronterà alle ore...

AVELLINO-ASCOLI 1-2: LATITA LA QUALITÀ IN MEDIANA, CASTALDO IN OMBRA. BRILLA VERDE, D'ANGELO NON RISENTE DELLA FATICA

Avellino-Ascoli 1-2: latita la qualità in mediana, Castaldo in ombra. Brilla Verde, D'Angelo non risente della faticaEsordio amaro per Novellino. Avellino sfortunato e punito dall'errore di Aureliano in occasione del penalty assegnato...

A CESENA BIDAOUI E CASTALDO I PIÙ VOTATI, POI IL "SOLITO" PERROTTA

A Cesena Bidaoui e Castaldo i più votati, poi il "solito" PerrottaNella sfida contro il Cesena, persa malamente 3-0, è stato Bidaoui il più votato dai nostri lettori che con il...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 7 Dicembre 2016.
 
Hellas Verona 34
 
Frosinone 32
 
Benevento 31*
 
Spal 29
 
Cittadella 28
 
Carpi 27
 
Perugia 26
 
Virtus Entella (-1) 25
 
Bari 23
 
Spezia 23
 
Novara 21
 
Brescia 21
 
Ternana 19
 
Latina 19
 
Pisa 19
 
Salernitana 18
 
Ascoli Picchio (-1) 18
 
Pro Vercelli 18
 
Cesena 16
 
Avellino 16
 
Vicenza 15
 
Trapani 11
Penalizzazioni
 
Benevento -1

   Editore: Dieffe Media Norme sulla privacy | Cookie policy   
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI