Arrighini: "L'Avellino non ha creduto in me. Ho esultato con Marchetti perché gli devo tanto"

 di redazione TuttoAvellino Twitter:   articolo letto 1658 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Arrighini: "L'Avellino non ha creduto in me. Ho esultato con Marchetti perché gli devo tanto"

Il più classico dei gol dell'ex, quello di Andrea Arrighini all'Avellino. Martedì sera l'attaccante toscano si è tolto la sua soddisfazione personale dopo essere stato "bocciato" forse troppo in fretta dall'Avellino nonostante il quadriennale firmato nell'estate del 2014. "Quella del Partenio-Lombardi è stata una giornata speciale per me - ha spiegato Arrighini come riportato da TMW -. Ho realizzato un gol importante a un avversario che, rispetto agli altri già affrontati, ci ha dato filo da torcere. Ci tenevo molto a ben figurare contro l'Avellino, perché sono ancora un calciatore biancoverde anche se non hanno creduto in me. Sono corso ad esultare il direttore Marchetti perché lui mi ha fortemente voluto al Cittadella e gli devo tanto. Glielo avevo promesso quando ho firmato il contratto".