Tutto Avellino
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Quattro partite, zero gol: preoccupa la pessima vena realizzativa dell’attacco

Quattro partite, zero gol: preoccupa la pessima vena realizzativa dell’attacco

Nelle prime quattro gare stagionali sono andati a segno un centrocampista (D'Angelo) e un difensore (Dossena). Male gli attaccanti.

redazione TuttoAvellino

Oltre al feeling perduto con la vittoria, a preoccupare in casa Avellino è pure la pessima vena realizzativa degli attaccanti biancoverdi.

Nelle prime quattro gare stagionali, contando pure quella di Coppa Italia contro la Ternana, l'Avellino è andato a segno appena tre volte e mai con i suoi attaccanti.

Al Liberati segnò D'Angelo, che poi si è ripetuto pure alla prima di campionato contro il Campobasso, stavolta dal dischetto. Senza reti, quindi, il derby contro la Juve Stabia e nuovo pareggio per 1-1 (il terzo in quattro incontri) contro il Latina, con gol di Dossena per il momentaneo 1-0 irpino.

E gli attaccanti? Al netto di meccanismi offensivi evidentemente ancora da migliorare, è rimasto a secco Maniero, che dopo la prova opaca del Menti ha offerto una discreta prestazione domenica sera, sfiorando almeno in un'occasione il primo centro stagionale.

Male Plescia, che ha inanellato tre prove deludenti e una ramanzina di Braglia a Castellammare. Gagliano, invece, non ha ancora espresso tutto il suo potenziale, mentre Messina non ha mai messo piede in campo in campionato, nonostante abbia mostrato una buona dote sotto porta durante le amichevoli pre-campionato e infrasettimanali.

Dagli attaccanti ai trequartisti la situazione non migliora, ma nei casi di Micovschi e Di Gaudio, purtroppo gli infortuni hanno fatto la loro parte, mentre Kanoute rimane uno dei più brillanti dalla cintola in su (traversa contro il Campobasso e tanta corsa a Castellammare e domenica sera).

tutte le notizie di