Tutto Avellino
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Mercato già sotto esame? Braglia utilizza i nuovi arrivati col contagocce

Mercato già sotto esame? Braglia utilizza i nuovi arrivati col contagocce

Il tecnico toscano sta utilizzando poco i nuovi arrivati, ad eccezione di Kanoute sempre titolare nelle prime quattro gare giocate.

Carmine Roca

Nelle prime quattro gare di campionato Piero Braglia ha cambiato già tre volte modulo, provando a tirare fuori il meglio da ogni singolo calciatore schierato, affidandosi in larga parte a elementi già presenti in rosa la scorsa stagione.

Il tecnico toscano sta utilizzando col contagocce i nuovi arrivati, a esclusione di Kanoute, in campo in tutte e quattro i match disputati contro Campobasso, Juve Stabia, Latina e Monopoli.

Dopo la prima uscita, quella d'esordio contro il Campobasso, durante la quale Braglia schierò sei "nuovi" titolari (Bove, Sbraga, Mastalli, Mignanelli, Plescia e Kanoute) facendone entrare altri tre nella ripresa (Scognamiglio, Micovschi e Gagliano), nelle successive tre gare, l'allenatore non è mai andato oltre l'utilizzo di tre "nuovi" dal primo minuto.

È accaduto lunedì sera a Monopoli con Bove, Kanoute e Di Gaudio titolari (Mignanelli, Plescia e Gagliano sono entrati nella ripresa), a fronte di due soli "nuovi" schierati dal primo minuto contro Juve Stabia (Di Gaudio e Kanoute, poi Mastalli, Mignanelli, Plescia e Messina nella ripresa) e contro il Latina (Kanoute e Gagliano, quindi Mastalli, Matera, Plescia e Mignanelli nel secondo tempo).

C'è da dire che Braglia non ha praticamente mai avuto a disposizione gli infortunati Micovschi, che finora ha collezionato appena una ventina di minuti, e Scognamiglio, che ha giocato solo 26 minuti contro il Campobasso, finendo subito in infermeria, mentre Di Gaudio nelle due gare in cui è stato convocato ha sempre giocato titolare.

Fa riflettere lo scarso utilizzo di Mastalli, titolare solo contro il Campobasso e in panchina per tutta la gara col Monopoli. L'ex stabiese, uno dei colpi del mercato estivo, ha messo assieme appena 128' in quattro partite, faticando a trovare una collocazione precisa nonostante Braglia abbia cambiato modulo in tre occasioni. Appena 22' di utilizzo per Matera, utilizzato da subentrato solo con la Juve Stabia.

C'è poi Sbraga, titolare all'esordio ed escluso dai convocati per il Monopoli per scelta tecnica dopo la deludente prestazione in Coppa Italia contro l'Ancona Matelica. Mignanelli, invece, dopo essere partito dal primo minuto col Campobasso ha sempre lasciato il posto da titolare al riconfermato Tito, sostituendolo nella ripresa e solo per una manciata di minuti (al 28' contro la Juve Stabia, al 42' contro il Latina e al 22' a Monopoli).

Deludente pure l'apporto di Plescia, titolare per l'indisponibilità di Maniero, contro il Campobasso e subito relegato in panchina per lasciare spazio al più esperto compagno di reparto. L'ex Vibonese e Renate ha giocato 18' a Castellammare, sostituito da subentrato prima della fine per lo scarso contributo in campo; e poi ancora una ventina di minuti con il Latina e altri venti a Monopoli. Per Gagliano, invece, metà partita da titolare con il Latina e due ingressi da subentrato nella ripresa contro Campobasso e Monopoli (67 minuti totali in campo)

tutte le notizie di