Tutto Avellino
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Avellino, testa al Taranto: Braglia deve ridisegnare il 4-2-3-1

Avellino, testa al Taranto: Braglia deve ridisegnare il 4-2-3-1

Tra infortunati e squalificati, Braglia dovrà rinunciare sicuramente a quattro elementi. Carriero e Maniero ancora in dubbio.

redazione TuttoAvellino

Le assenze degli indisponibili continuano a condizionare la preparazione e il cammino dell'Avellino, reduce da cinque risultati utili consecutivi (9 punti, tre pareggi e due vittorie).

Nel prossimo turno, in programma sabato alle ore 17.30, i biancoverdi affronteranno il Taranto al Partenio-Lombardi. Per Piero Braglia non sarà facile scegliere gli undici da mandare in campo.

Tra infortunati e squalifiche, tutti i reparti hanno perso pezzi. Soprattutto la difesa, che ieri ha ritrovato Ciancio, ma che contro il Taranto sarà priva di Rizzo e Dossena squalificati e di Silvestri infortunato a una costola, oltre al lungodegente Scognamiglio.

Braglia potrebbe optare per la difesa a tre con Ciancio, Sbraga e Bove chiamati a fermare gli attaccanti avversari, anche se è più ipotizzabile un 4-2-3-1, con Ciancio e Tito sulle corsie esterne e Sbraga e Bove al centro.

A centrocampo è tornato a pieno regime D'Angelo, ma Carriero è ancora alle prese con terapie per guarire dall'infortunio muscolare. Aloi e D'Angelo dovrebbero agire alle spalle dei trequartisti Micovschi, Kanoute e Di Gaudio. Unica punta Plescia, con Gagliano in panchina e Maniero ancora in forte dubbio.

tutte le notizie di