Tutto Avellino
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Braglia: “Negli spogliatoi giravano bigliettini dei nomi dei tredici calciatori che devono andare via. Li ho strappati io”

Braglia: “Negli spogliatoi giravano bigliettini dei nomi dei tredici calciatori che devono andare via. Li ho strappati io”

"Una società seria mica manda via tredici giocatori a gennaio". Queste le parole di Braglia in merito alla situazione del calciomercato

Marco Costanza

Conferenza piccante di mister Piero Braglia in vista della gara con il Foggia. Il match con i "Satanelli" è passato quasi in secondo piano davanti alla situazione dei rinnovi e del calciomercato, che ha creato non poche polemiche in conferenza stampa.

Queste le parole di Braglia in merito: "Siamo qui da 6 mesi, si è sempre parlato di determinate cose, non è mai successo nulla e non credo che debba succedere ora. Sono 6 mesi che parliamo di rinnovi, di mercato e non abbiamo avuto mai problemi. De Simone ha solo detto dopo Vibo che i ragazzi sono stati bravi a mettersi da parte delle voci e a vincere. Che i giocatori devono rinnovare lo sappiamo da luglio. Del mercato pure. Io non ho l'abitudine di essere falso. Io su queste cose non ci marcio, io penso al campo. Vi racconto una cosa. Negli spogliatoi passavano fogliettini dei tredici ragazzi, che devono andare via a gennaio, con i nomi usciti il giorno prima sul giornale, quei fogliettini li ho strappati io. Secondo voi mica una società seria manda via a metà campionato 13 giocatori? A me personalmente non me ne frega nulla di queste voci, vado avanti. Le polemiche non devono esistere, è il gioco delle parti vero ma c'è un limite. Poi voi è giusto che scrivete quello che volete, ma ci sono modi e tempi per farlo. Io se ho un problema con qualcuno, viene qui, me lo dice, e se non gli sta bene si leva dalle palle. A me non me ne frega niente di avere contratti lunghi, io se vado bene e raccolgo quello che mi chiede la società, continuo, se no me ne sto a casa, per questo firmo sempre per un anno e l'ho fatto sempre, da quando avevo 35 anni". 

tutte le notizie di