Tutto Avellino
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Capuano: “Avellino, momento più felice in carriera, ma il cuore va messo da parte”

Capuano: “Avellino, momento più felice in carriera, ma il cuore va messo da parte”

L'allenatore giallorosso ha ricordato la fortunata esperienza in Irpinia, nella conferenza stampa della vigilia.

redazione TuttoAvellino

L'allenatore dell'Acr Messina, Ezio Capuano ha parlato in conferenza stampa, alla vigilia del match contro l'Avellino, squadra che ha allenato due stagioni fa: Avellino è stato e sarà il momento più felice della mia vita calcistica. Volevo quella piazza anche per cancellare l’episodio di Castellammare e le contestazioni subite per un’esultanza che non avevo mai fatto. Sono stato fiero e orgoglioso di allenare lì e forse non riesco a descriverlo. Ma ora sono a Messina e non dormo la notte per fare risultato e uscire da questa classifica. Spero di lasciare lo stesso ricordo, lo stesso amore e lo stesso sentimento che provo per Avellino.

È una partita particolare, ma il cuore va messo da parte. Lì sono arrivato in una situazione difficile, drammatica dal punto di vista societario e nonostante il Covid abbiamo battuto la Ternana, ci siamo salvati e siamo arrivati ai playoff, dai quali siamo usciti senza perdere. C’è stata anche l’esplosione di Parisi, che ha perso il papà a cui ero legato ma è stato appena convocato in Nazionale. Prima era sconosciuto.

L’Avellino ha cinque attaccanti di categoria superiore. Se hanno segnato undici calciatori differenti è merito dell’allenatore, ci sono inserimenti e situazioni studiate. Braglia? La storia non si cancella, non devo certo presentarlo io. Conosciamo le loro caratteristiche e ci lavoriamo da martedì. Sono duttili: possono alternare il 3-5-2 al 4-3-3 e al 4-2-3-1. Sono una delle quattro big, con Palermo, Bari e Catanzaro. Li affronteremo senza timori ma con rispetto. In trasferta non hanno mai vinto ma hanno offerto grandi prestazioni e al “Barbera” meritavano di più al di là del rigore generoso. Hanno steccato soltanto a Monterosi, la loro unica sconfitta”, si legge su Messina Sportiva.