Tutto Avellino
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

De Simone: “Con il Monterosi abbiamo imparato come affrontare queste gare. Bari? Il campo ha detto che i 9 punti non sono veritieri”

De Simone: “Con il Monterosi abbiamo imparato come affrontare queste gare. Bari? Il campo ha detto che i 9 punti non sono veritieri”

Le parole di Domenico De Simone, vice allenatore dell'Avellino, che presenta la gara con la Vibonese

Marco Costanza

Vista la squalifica, Piero Braglia lascia al vice Mimmo De Simone la parola in vista della gara di domenica contro la Vibonese. 

Queste le sue parole: "Credo che Monterosi sia da lezione per tutti. Quella trasferta è ancora viva nella nostra memoria. Noi dobbiamo solo proseguire quello che è il nostro trend delle ultime settimane, la squadra è cresciuta molto, stiamo bene e vediamo di dare risposte positive, che il nostro avversario sia una delle big del campionato o meno".

Sul momento: "Come dicevo l'obiettivo è dare una risposta a tutti noi, che contro le piccole abbiamo perso troppi punti per strada. Come detto, la squadra sta bene, viene da due ottime gare contro Turris e Bari e bisogna continuare in questo modo".

I cambi di modulo: "Io credo che nello stesso girone nostro, tolte un paio di squadra, come il Foggia di Zeman, che è impostato per il 4-3-3 dichiarato, tutte cambiano a seconda delle esigenze delle partite. Con il bari è stato da esempio, che dopo un'ora che ci avevano un po' trovato le contro misure, abbiamo saputo cambiare in corsa. Cosa che fanno un po' tutti".

Sulla formazione: "Nelle ultime settimane la formazione l'ha determinata la settimana di allenamento. Diciamo che il gruppo sta bene, ha preso convinzione ed entusiasmo per poter fare un campionato importante, che è il nostro obiettivo. Ci riserbiamo gli ultimi giorni per valutare meglio anche quello che sarà il loro schieramento".

Campo trappola: "In queste gare qui, soprattutto con le squadre che si devono salvare, se non metti anche la sciabola, oltre alle qualità tecniche, non ne vieni fuori, come detto è accaduto col Monterosi. Quindi sappiamo cosa fare, sappiamo che ogni gara sarà una battaglia e quella gara lì ci ha insegnato tantissimo".

Sugli attaccanti: "Nelle ultime settimane la loro condizione è cresciuta tanto. Ma lo sapevamo che ci voleva del tempo. Adesso stanno tutti bene e sono monitorati giorno per giorno. Kanoute, Di Gaudio stanno bene, sono cresciuti, bisogna mantenere un  buon livello. Da loro di aspettiamo molto e ci fidiamo molto".

Sulla Vibonese: "E' una squadra che ha bisogno di punti, che vuole salvarsi e sono anni che ci riescono, perchè hanno persone come il direttore sportivo, molto preparate ed esperte e credo che possano riuscirci anche quest'anno".

Sulla gara dell'anno scorso: "Non vado a ritroso sulla gara dell'anno scorso, ma ripeto, la gara di Monterosi ci ha dato tanti spunti su cui riflettere".

Su Micovschi: "E' cresciuto molto negli ultimi tempi, soprattutto di condizione. E' arrivato in ritardo, ha dovuto accelerare per entrare in condizione, poi si è infortunato. Ora sta bene, è cresciuto molto. Può darci una mano sia da titolare che da subentrato".

Su Plescia: "Ha avuto tanti contrattempi, ora sta meglio, è in concorrenza con Maniero e Gagliano. Sta crescendo di condizione, noi guardiamo a 360 gradi per quanto riguarda quel ruolo. Abbiamo soluzioni e Plescia è una di quelle".

Sui calci piazzati e l'altezza: "Ci sono partite dove prevale quell'aspetto lì, dell'altezza, altre meno. Dipende a seconda delle partite che si intendono fare. In questo momento valutiamo un po' tutto, è meglio stare tutti sulla corda perchè la partita lo impone".

Su Scognamiglio: "Non ha bisogno di presentazione. E' venuto meno in questi mesi iniziali perchè ha avuto un infortunio che lo ha tenuto fermo 3-4 mesi. Non so se il mister riterrà opportuno se schierarlo domenica o la prossima ancora. Per noi è fondamentale sia per un discorso del campo che fuori dal campo".

Sulla lotta al primo posto: "La partita col Bari ci ha dato maggiore consapevolezza, perchè affrontarli con 9 punti di distacco, facendo la gara che abbiamo fatto e prendendo quel rigore assurdo, che non mi esprimo neanche più, ci fa capire che i valori in classifica non sono veritieri. Sta a noi continuare così, i valori in campo hanno detto che le sue squadre quanto meno se la possano giocare".

 

tutte le notizie di