Tutto Avellino
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Dossena: “A Palermo due punti persi. E’ stato un ottimo Avellino. Siamo in crescita, ci serve continuità”

Dossena: “A Palermo due punti persi. E’ stato un ottimo Avellino. Siamo in crescita, ci serve continuità”

Le parole del difensore dell'Avellino, Alberto Dossena, che parla del momento in casa biancoverde.

Marco Costanza

Il difensore dell'Avellino, Alberto Dossena, è stato ospite a Prima Tivvù, alla trasmissione Contatto Sport, per analizzare il momento in casa biancoverde, il pareggio di Palermo e parlare di tanti altri temi.

Queste le sue parole: "A Palermo forse due punti persi rispetto a uno guadagnato. Abbiamo creato molte occasioni, due pali, abbiamo giocato bene, peccato non aver sfruttato le opportunità avute. Ma si va avanti e ora pensiamo a vincere la prossima. Nello spogliatoio c'è serenità, il campionato è lungo, siamo felici per i 5 risultati utili, ma ora dobbiamo prendere i 3 punti domenica con il Taranto".

Sul Palermo: "Loro sono partiti forte, ma poi noi abbiamo preso in mano la gara. Dopo il gol, non è stato semplice, loro hanno messo punte rapide per fare contropiedi. Siamo stati bravi a non disunirci, a trovare il pareggio e alla fine potevamo anche vincere". 

Sul nuovo modulo cosa cambia per la difesa: "Cambia che dobbiamo avere più attenzione i due centrali e supportare 4 giocatori offensivi. Poi dipende anche dall'avversario, da come si mette la partita. Ma la fase difensiva è stata interpretata bene". 

Sull'errore con l'Andria: "Mi è dispiaciuto perchè ci è costato il pareggio, purtroppo può capitare. Gli errori ci stanno nel calcio. L'importante è reagire e ripartire più forti, senza abbattersi". 

L'attaccante più forte del campionato: "Bella domanda. Maniero dai!". 

Sul rigore dato contro il Palermo: "Non c'era. Come non c'era quello dato a loro ai playoff nella gara di andata". 

Sui 5 palermitani dell'Avellino: "La sentivano molto, ci tenevano a fare bene nella loro città. Silvestri è stato in campo con una costola rotta fino alla fine. Veramente ci tenevano a far bene. Gigi è un vero leader". 

Difesa a 3 o a 4: "Mi sono sempre trovato bene con entrambi i moduli, ci alleniamo sia a 3 che a 4, quindi  a me non cambia molto". 

Sul Taranto: "E' una bella squadra, ha fatto un grande inizio. Troveremo un avversario forte, ma noi giocheremo in casa e abbiamo l'obbligo di vincere". 

Su Luca Moro: "Forse ci sono attaccanti in categoria più forti. Ma è un ragazzo giovane, forte e ha ampi margini di miglioramento". 

Sulla squalifica con il Taranto: "Mi dispiace non poter aiutare la squadra, ma mi impegnerò al massimo in allenamento e sabato farò il tifo dalla tribuna".

tutte le notizie di