Tutto Avellino
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Pellissier: “Di Gaudio in Serie C sposta gli equilibri. Se ha continuità sarà devastante”

Pellissier: “Di Gaudio in Serie C sposta gli equilibri. Se ha continuità sarà devastante”

Le parole di Sergio Pelissier che racconta le qualità di Di Gaudio, prossimo acquisto dell'Avellino.

Marco Costanza

Intervistato da Radio Punto Nuovo, Sergio Pellissier, grande bandiera del Chievo, ha parlato del nuovo acquisto dell'Avellino, Antonio Di Gaudio, che la scorsa stagione era al Chievo, poi non iscrittosi in Serie C.

Queste le sue parole: "L'Avellino ha preso un giocatore di grande esperienza, che negli ultimi anni ha sempre vinto i campionati, forse ha sbagliato solo l'anno con il Chievo. Ma è un giocatore straordinario, per la Serie C assolutamente fuori categoria. Ha esperienza infinita e tanta qualità. Può veramente spostare gli equilibri e incidere sulle partite. Non è una prima punta vera, con il 4-2-3-1 può fare benissimo, può fare bene sia dietro la punta che come esterno. Magari non ti segna tanti gol, ma li fa segnare, crea superiorità numerica, salta l'uomo, è un giocatore importantissimo e complimenti all'Avellino per l'acquisto". 

Paragone con Ribery: "Ricordo che a lui gli piace questo accostamento, si ispira a lui. E' un paragone molto forte ma il suo modo di giocare è simile a quello del francese e se sta bene fisicamente ed ha fiducia, può essere un giocatore che può vincere le partite da solo". 

Il girone C: "E' un girone durissimo, con piazze molto calde e blasonate come l'Avellino. Non è mai facile vincere, lo ha dimostrato il Bari gli scorsi anni che pur spendendo tanto e prendendo top player dalla B e dalla A, non è riuscito a far bene. Quindi bisogna fare attenzione. C'è bisogno di trovare la giusta quadratura e coesione, con i nomi non si vince. Ma conta realmente avere un gruppo solido e compatto". 

Voto all'attaccante dell'Avellino: "Voti non mi piacciono darli, ma è un grande attacco quello dei lupi. Sicuramente può fare tanto bene, se poi c'è una difesa solida e compatta insieme ad un grande attacco si vincono i campionati".

Pellissier vicino all'Avellino in passato: "No, mai. Almeno io mai ho saputo nulla. Però posso dire che il primo anno del Torino, circa 20 anni fa, mi volevano mandare in prestito tra Varese e Avellino. Poi fu scelto Varese visto che era più vicina. Ma lì fui molto vicino ai lupi". 

tutte le notizie di