Tutto Avellino
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Tito: “Il ritiro è andato bene. Con la Ternana per giocarcela. Mignanelli? Siamo due titolari”

Tito: “Il ritiro è andato bene. Con la Ternana per giocarcela. Mignanelli? Siamo due titolari”

Le parole dell'esterno dell'Avellino, Fabio Tito, che parla del ritiro di Roccaraso e in vista della gara con la Ternana

Marco Costanza

L'esterno dell'Avellino, Fabio Tito, è intervenuto alla trasmissione "Notte Ritiro" di Prima Tivvù.

Queste le sue parole: "Innanzi tutto ci tenevo a ringraziare tutti per gli auguri. Sì siamo in attesa di una bambina e la chiameremo Isabella". 

Sulla Ternana: "Loro l'anno scorso hanno dominato il campionato. Non vogliamo fare lo stesso errore, hanno tre settimane di lavoro in più rispetto a noi. Ci troviamo indietro e non sarà facile. L'importante non fare figuracce. Ce la proveremo alla grande, vorremmo riscattare i 4 gol dell'anno scorso. Però a loro va solo applaudito perchè hanno stravinto il campionato. Ora dobbiamo lasciarci tutto alle spalle e pensare alla Coppa Italia e magari regalarci il Bologna".

Sul ritiro: "E' stato un buon ritiro, abbiamo lavorato bene. Abbiamo messo minuti nelle gambe e ci stiamo preparando per l'inizio di campionato. E' stato pesante ma il più duro che ho fatto è stato quello con Modica alla Vibonese. Sapete che è stato il vice di Zeman e dei suoi metodi duri e lo ricordo, infatti, quel ritiro fu durissimo". 

Sul modulo: "Il mister sta provando, è giusto farlo in ritiro. Il campionato inizierà tra un pò e c'è ancora modo per provare altro. L'anno scorso siamo stati un pò prevedibili ad un certo punto e quindi è giusto provare anche altro per poi avere un asso nella manica durante il campionato". 

Su Mignanelli: "E' un ottimo ragazzo, siamo in camera insieme. Anche gli altri si stanno integrando bene nel gruppo. Concorrenza? E' l'ultimo dei pensieri perchè è giusto avere alternative valide e io o Mignanelli ce la giochiamo e siamo titolari. Una differenza? Magari lui ha più dribbling, salta più l'uomo rispetto a me". 

L'atteggiamento: "Bisognerà essere più propositivi e offensivi ma poi dipende anche dagli avversari che incontri. Magari ad un certo punto trovi avversari che concedono poco e andando avanti ti sbilanci e lo paghi. Bisogna avere sempre compattezza". 

Su Scognamiglio: "Sono contento di averlo qui, è un gladiatore, un lottatore. Un giocatore di esperienza, che può fare la differenza".

 

tutte le notizie di