ex biancoverdi

Colantuono: “I campionati si vincono a febbraio. I tifosi? Noi avevamo due curve che ci spingevano”

Colantuono: “I campionati si vincono a febbraio. I tifosi? Noi avevamo due curve che ci spingevano”

Le parole del tecnico, Stefano Colantuono, in merito all'inizio di campionato dell'Avellino

Marco Costanza

Stefano Colantuono, ex calciatore dell'Avellino, ha parlato a Radio Punto Nuovo in merito a questo inizio di campionato dei lupi.

Queste le sue parole: "Ci può stare un inizio un po' in sordina, un po' sottotono. A me hanno insegnato che i campionati non si vincono a settembre, ma si cominciano a vincere da febbraio in poi. E' chiaro che a febbraio deve essere in classifica in una buona posizione. Dare oggi dei giudizi è troppo presto e vale sia per l'Avellino che per il Catanzaro". 

La prima vittoria coincisa con il ritorno della Sud: "Non è un caso. Io lo conosco bene questo ambiente, erano altri tempi, gli anni '80 della Serie A, e avevamo addirittura due curve a sostenerci. C'era anche la Nord. So benissimo la spinta che può dare il popolo avellinese". 

Sui lupi: "Io credo che l'Avellino ad oggi stia pagando lo scotto del campionato scorso, quando sei arrivato a pochi passi dalla Serie B. L'Avellino ha un allenatore esperto e bravo, conosce questa categoria come le sue tasche e sa come si vincono i campionati. L'Avellino ha 7 punti e vincesse stasera e va a 10 punti, nei primissimi posti, di che parliamo. A volte vedo che quando i problemi non ci sono, ce li si crea. Si sono giocate 5 partite, è solo all'inizio. Poi ha un direttore come Totò Di Somma, che saluto, che voglio bene come un fratello e ama questi colori e quindi sa cosa fare". 

Sulle avversarie: "Credo che il Bari sia la favorita, sia assemblata bene per competere per alti livelli e vincere il campionato. Poi non è detto che lo vinca. E per l'Avellino me lo auguro". 

tutte le notizie di