Tutto Avellino
I migliori video scelti dal nostro canale

ex biancoverdi

Foscarini: “Contatti con l’Avellino? Non ne parlo. La società deve avere le idee chiare”

Foscarini: “Contatti con l’Avellino? Non ne parlo. La società deve avere le idee chiare”

Le parole di Claudio Foscarini, ex allenatore dell'Avellino, che parla del momento in casa biancoverde

Marco Costanza

Claudio Foscarini, ex tecnico dell'Avellino, ha parlato a Radio Punto Nuovo di diversi temi, del momento in casa biancoverde e sulla Serie C.

Queste le sue parole: "Nove giornate sono sufficienti per valutare il lavoro di un allenatore. E' un periodo giusto per capire l'identikit di una squadra e gare delle valutazioni. Però a volte ci sono situazioni particolari per cui c'è bisogno di maggiore tempo, maggiore spazio per lavorare con continuità, cosa che magari in questo momento ad Avellino non succede. Credo che il cambiamento di moduli spesso succede anche quando hai delle defezioni. Magari parti da un'idea ben precisa e poi devi cambiare per cause di forza maggiore. Io credo che ad Avellino sia successo questo. Poi Avellino, è logico, è una piazza che si aspetta un salto di qualità dopo l'ottimo campionato scorso. Ma credo che la cosa peggiore sia l'incertezza che regni. E' come avere una bomba in tasca che può esplodere da un momento all'altro, senza sicura. Questo sta succedendo ad Avellino. Se tu confermi un allenatore devi andare avanti con quelle idee, oppure cambiarlo. Bisogna avere le idee chiare e la certezza di far continuare questo allenatore, anche se magari in questo momento i risultati latitano".

La maledizione del secondo anno: "Non ci credo, la scaramanzia non è tanto nelle mie corde. Certo che il secondo anno è sempre più difficile. Se uno, in un anno, fa degli ottimi risultati, come fatto l'anno scorso ad Avellino, è logico che poi l'anno successivo si alza l'asticella e le cose diventano più difficili. Ma l'allenatore e i calciatori lo sanno e deve essere brava la società. Ad Avellino, per la piazza che ha, ci deve essere sempre il piacere di guardare avanti con ambizione".

Contatti con l'Avellino due settimane fa: "Non voglio parlare di queste cose, io rispetto il lavoro dei miei colleghi non è giusto parlare di questo, e se ci fosse una telefonata in questo momento preferirei non rispondere ".

I calciatori che hanno salvato Braglia: "Fa piacere, da allenatore, pensare i calciatori abbiano mediato  vuol dire che c'è fiducia. Però le scelte le deve fare la società, deve avere le idee chiare, non farsi influenzare da altre questioni. Ma i calciatori devono fare il loro compito. Le idee chiare le deve avere solo la società".

Sul girone C: "E' un girone bello, con piazze storiche, molto stimolante. Ci sono partite molto accese. Il Bari sta facendo bene, ma non è assicurata la sua promozione. Arriverà anche per loro un momento di calo e lì si vedrà la vera forza di questa squadra".

 

tutte le notizie di