Tutto Avellino
I migliori video scelti dal nostro canale

ex biancoverdi

Jidayi: “Da centrocampista, giocare in difesa comporta maggiori responsabilità. I lupi non devono mollare”

Jidayi: “Da centrocampista, giocare in difesa comporta maggiori responsabilità. I lupi non devono mollare”

Le parole di William Jidayi, ex giocatore dell'Avellino, che parla del momento in casa biancoverde

Marco Costanza

William Jidayi, ex centrocampista dell'Avellino, ha parlato a Radio Punto Nuovo delle differenze che possono esserci nell'arretrare da centrocampista a difensore, cose che è accaduta a lui in passato e che potrebbe ripetersi sabato ad Aloi.

Queste le sue parole: "Quando giochi a centrocampo e ti superano, sai che hai le spalle coperte, perchè ci sono i difensori che magari ti coprono le spalle. In difesa invece dietro di te hai solo il portiere e non puoi fallire. A me personalmente non ha cambiato molto, i concetti sono quelli. In difesa ovviamente non puoi permetterti di sbagliare. Dal punto di vista dell'attenzione, si alza la soglia. Inoltre bisogna tenere a freno l'irruenza. A centrocampo magari puoi fare una entrata anche in ritardo, il fallo in quella zona del campo non è grave. Ma se lo fai in area o al limite, sono problemi". 

Sbraga potrebbe tornare titolare: "Come vive un difensore messo da parte a dover tornare all'improvviso da titolare? Da professionista non deve pesare. Il giocatore sa che si gioca molto. Bisogna avere personalità, il nostro è un lavoro dove costantemente si è sotto pressione. E' normale che ogni partita può valere tanto, così come questo giocatore, da come dite, non rientrato nel progetto, si giocherà le sue chance magari. Si preparerà al meglio, gestirà le sue energie nervose per dare il massimo". 

Sull'inizio difficile dei lupi: "E' chiaro che quando finisci bene come la scorsa stagione, i tifosi si aspettano qualcosa in più. Ma la tifoseria dell'Avellino è molto intelligente. Oltre ad essere passionale. L'Avellino l'ho visto meglio nelle ultime uscite, il campionato è ancora lunghissimo, è normale non raccontarsi più le favole, il primo posto è difficile, ma bisogna lottare partita dopo partita". 

Sul girone: "Certo che mi sarebbe piaciuto giocare in un girone del genere. I gironi del Sud sono sempre molto più caldi e focosi degli altri, emozioni stupende, piazze calde. Ogni partita è una sorta di derby e mi sarei caricato a giocare ogni gara". 

tutte le notizie di