Tutto Avellino
I migliori video scelti dal nostro canale

ex biancoverdi

Luiso: “Plescia? Se vuoi vincere i campionati non servono scommesse. Di Somma e Braglia devono solo vincere”

Luiso: “Plescia? Se vuoi vincere i campionati non servono scommesse. Di Somma e Braglia devono solo vincere”

Le parole del toro di Sora, ex attaccante dell'Avellino, Pasquale Luiso, sul mercato biancoverde in vista della prossima partita

Marco Costanza

Intervistato da Radio Punto Nuovo, l'ex attaccante dell'Avellino, Pasquale Luiso, ha parlato dell'Avellino che sta nascendo in vista della prossima stagione.

Queste le sue parole: "Plescia? Certamente è un buon elemento ma per provare a salire di categoria hai bisogno di certezze e non scommesse. Bisogna rischiare e provare ad investire su elementi importanti. Ora bisogna dargli fiducia, fargli sentire affetto e bisogna vedere poi il suo rendimento a lungo termine". 

Su Maniero: "Non si può mettere da parte. Probabilmente nel 3-5-2 giocheranno lui e Plescia. Maniero è il top player dell'Avellino, non  vedo altri giocatori che possono fare la differenza oltre a lui in questo Avellino". 

Sul modulo: "Se vuoi cambiare modulo bisogna lavorare in ritiro. Mi ricordo quando vincemmo il campionato con lui c'era Corona, io, un bell'attacco, un modulo rapido e veloce. Ci vuole però una rosa importante, con ricambi importanti. Se dovesse farsi male Maniero, l'Avellino chi ha per sostituirlo? Il 4-3-1-2 è comunque un modulo che mi piace". 

Sulla scorsa stagione: "E' stata una buona stagione ma ai playoff poi una sale e vince. L'Avellino ha fatto bene ma poi ha preso il Padova che era due categorie superiori all'Avellino ed è andato a casa. Questo deve far riflettere che se si vuole salire ci vuole una rosa ricca e forte, con reparti importanti con tanti ricambi. L'Avellino poi in quelle due partite ha fatto vedere che non avevi qualità".

Su Scognamiglio: "E' un giocatore da battaglia, un giocatore da 3, per me da 2 non sa giocare, è un giocatore da difesa a 3. L'ho visto però sovrappeso, deve mettersi in forma, deve lavorare tanto". 

Sul campionato: "Se parli con Di Somma e Braglia dicono siamo lì, lotteremo. Ma per me devono dire noi siamo l'Avellino e dobbiamo vincere, altrimenti che sono venuti a fare qui. Voi conoscete come sono io, non ho peli sulla lingua. Voglio il bene dell'Avellino. Io voglio un Avellino protagonista ma ad oggi se devo dire che è più forte dico il Catanzaro. Se mi dici Avellino, io ti dico che parte indietro". 

 

tutte le notizie di