Tutto Avellino
I migliori video scelti dal nostro canale

ex biancoverdi

Sforzini: “Palermo-Avellino da tripla. I lupi possono risalire. Giusto dare continuità a Braglia”

Sforzini: “Palermo-Avellino da tripla. I lupi possono risalire. Giusto dare continuità a Braglia”

Le parole di Ferdinando Sforzini, doppio ex di Avellino e Palermo, in vista della sfida del "Barbera" di domenica

Marco Costanza

Intervistato da Radio Punto Nuovo, Ferdinando Sforzini, ex attaccante di Avellino e Palermo, ha parlato della sfida di domenica al "Barbera" e del  momento in casa biancoverde.

Queste le sue parole: "Credo sarà una partita maschia, in palio ci sono punti pesanti. Si affrontano due squadre blasonate, con tifoserie importanti. Sarà una bella partita dove è difficile fare anche pronostici, sarà una gara da tripla". 

Sull'Avellino: "Ogni anno fa storia a se. Alcuni cambiamenti sono stati fatti e quindi c'è bisogno anche di tempo per assimilare un nuovo modo di giocare e credo che l'Avellino abbia potuto pagare anche questo. Il problema degli attaccanti? Un posto per quattro non è il massimo per un attaccante, anche se è chiaro che la concorrenza stimola. Magari un posto per tre ci può stare, ma 4 magari sono troppi. E' accaduto anche a me, devo dire che poi alla fine nessuno fa benissimo, perchè non avendo continuità si può faticare. E' vero che l'obiettivo comune è vincere ma un attaccante vive per il gol e se non segna con continuità può avere problemi anche a farsi trovare pronto quando vieni chiamato in causa. L'anno scorso erano 4 attaccanti per due posti, che ruotavano in coppia. Quest'anno sono 4 per un posto ed è davvero complicato per loro". 

Sul campionato: "Credo che ancora il campionato sia aperto e i valori alla lunga verranno fuori e quindi anche squadre un po' in ritardo, come l'Avellino, possono venire fuori. La conferma di Braglia? Io sono per la continuità e cambiare il meno possibile soprattutto se vieni da una buona stagione come la scorsa. Il proverbio dice chi cambia la strada vecchia per quella nuova, sa quello che lascia ma non sa quello che trova. Io sono per dare continuità. Braglia conosce la squadra e i giocatori, in molti li ha avuti la scorsa stagione e credo che sia stato giusto dargli fiducia. Magari, se si dovesse arrivare a qualcosa di irreparabile, si può decidere di cambiare ma al momento non mi sembra una situazione irreparabile". 

Sulla gara di Viterbo: "Era vicino casa mia e c'ero. Non ho visto un buon Avellino, anzi ho visto un bel Monterosi che ha un grande progetto". 

Sul clima di Palermo: "E' una piazza caldissima, che vive di calcio. Tornerà il tifo organizzato, l'Avellino troverà un ambiente caldo. Sarà una partita dal risultato non scontato". 

tutte le notizie di