le pagelle

Avellino-Ancona Matelica 0-1, le pagelle: male difesa e attacco, Bove si salva

Avellino-Ancona Matelica 0-1, le pagelle: male difesa e attacco, Bove si salva

L'Avellino incassa la sua prima sconfitta stagionale ed esce subito dalla Coppa Italia di Lega Pro: le pagelle del match contro l'Ancona Matelica.

Carmine Roca

L'Avellino esce meritatamente dalla Coppa Italia di Lega Pro, battuto dall'Ancona Matelica. Si salva solo Bove, male difesa e attacco. A centrocampo bene Mastalli, ma le idee latitano. Le pagelle di Avellino-Ancona Matelica 0-1.

 

Pane 5 - Il tiro di Iannoni non era imprendibile, ma lo vede partire in ritardo e non riesce a evitare la segnatura. Salvato in precedenza dalla chiamata dell'arbitro per un fallo di mano di Rolfini, nella ripresa non è mai chiamato in causa.

Ciancio 5.5 - Si perde Sereni nell'occasione del gol vittoria dell'Ancona Matelica, prova a costruire qualcosa di interessante sulla destra, ma finisce per pestarsi i piedi con Rizzo.

(1’ st Bove 6,5 - L'unico a salvarsi dalla disfatta. Provvidenziale la diagonale difensiva per salvare un gol fatto, becca un colpo al viso e gioca bendato, ma non perde mai lucidità nelle chiusure).

Sbraga 5 - Lento e impacciato, Rolfini e Faggioli fanno quello che vogliono. Prestazione deludente.

Scognamiglio 5 - Come Sbraga, se non addirittura peggio. A sua discolpa c'è una condizione atletica da migliorare a causa di malanni muscolari e del colpo alla caviglia rimediato contro il Campobasso. Non chiude su Iannoni, disattento in generale.

(1’ st Silvestri 6 - Con l'Avellino in affanno e senza idee è lui a provare qualche cross in area di rigore. Bene in difesa, sufficiente).

Rizzo 5 - Balbettante col pallone tra i piedi, perde una buona chance per fare colpo su Braglia. Cresce alla distanza, con le squadre stanche, ma solo perché ha gamba. Nulla di più.

Carriero 5,5 - Deve farsi perdonare, quindi carica a testa bassa, ma pure troppo. Alla fine risulta comunque irruento e poco produttivo, lontano parente del calciatore ammirato lo scorso campionato.

Aloi 5 - Qualche pallone sparacchiato qua e là, poi esce all'intervallo con un voto basso in pagella.

(1’ st Mastalli 6 - Ha voglia di far vedere che su di lui ci si può contare, sradica palloni dai piedi degli avversari, ma pecca di lucidità in fase di costruzione).

Matera 5 - Non si vede mai, l'uscita all'intervallo è una conseguenza alle difficoltà incontrate nel primo tempo.

(1’ st De Francesco 5 - Parte bene, sfiora la porta con un bel tiro dalla distanza, poi evapora nella seconda parte della frazione e quando c'è bisogno di lui, latita).

Mignanelli 5 - Tocca una quantità infinita di palloni, ma non ha mai le idee chiare e finisce per perderne parecchi. I suoi cross vanno quasi tutti fuori misura, negativo.

Messina 5,5 - Ha sul piede e sulla testa almeno quattro palloni interessanti, ma li spreca tutti. Almeno si fa vedere dalle parti di Vitali.

(25’ st Maniero 4,5 - Corricchia in mezzo al campo, vivacchia alle spalle dei difensori avversari, mai pericoloso. AAA Maniero cercasi).

Plescia 5,5 - È suo il tiro più pericoloso di tutta la partita, quel colpo di testa meritava altro risultato. Poi, però, non si ripete e nella ripresa i difensori avversari lo controllano senza particolari problemi.

All.: Braglia 5 - L'Avellino è in difficoltà. E se è vero che oggi era imbottito di seconde linee, a preoccupare è soprattutto l'atteggiamento svogliato di molti interpreti e la pochezza di idee.