Tutto Avellino
I migliori video scelti dal nostro canale

mercato

Mercato, l’Avellino si muove senza fretta: le ultime

Mercato, l’Avellino si muove senza fretta: le ultime

Per ora i biancoverdi si sono mossi soltanto in uscita con le partenze di Gagliano e Messina. Ecco le ultime notizie.

redazione TuttoAvellino

La finestra invernale di mercato si è aperta da 8 giorni, ma l'Avellino, complice il rinvio della ripresa del campionato di Lega Pro, si è mosso solo in uscita ufficializzando il ritorno al Cagliari di Luca Gagliano e la cessione a titolo definitivo di Antonio Messina alla Fidelis Andria.

Gli obiettivi della dirigenza biancoverde sono chiari da settimane. L'intenzione è quella di rinforzare la rosa a disposizione di Piero Braglia con un esterno offensivo, magari mancino, e una punta centrale.

Il profilo per l'attacco era stato individuato in Pietro Iemmello del Frosinone, ma l'azione di disturbo del Catanzaro ha fatto saltare gli schemi. L'attaccante si trasferirà nella sua città natale in prestito con obbligo di riscatto in caso di promozione in Serie B. In sei mesi guadagnerà circa 210mila euro.

Smaltito lo smacco, l'Avellino si è concentrato su altri due obiettivi sensibili, entrambi in forza al Perugia: Bianchimano e Murano. Per il primo, che piace anche al Lecco (che si era mosso pure per Plescia), la strada è più percorribile, mentre per Murano - in scadenza di contratto - c'è una discreta distanza tra domanda (250mila euro) e offerta.

Non manca poi l'amarcord, con Matteo Ardemagni che da Frosinone lancia messaggi d'amore alla sua vecchia squadra. Se ne potrebbe parlare, anche se non è tra i principali obiettivi biancoverdi. Piace anche Mattia Rossetti del Campobasso.

Spostandoci sulle corsie esterne, il direttore sportivo del Taranto, ai microfoni di PrimaTivvù, ha confermato l'interesse dei lupi per Giuseppe Giovinco, così come è reale il sondaggio col Pordenone per Amato Ciciretti e con l'Entella per Leonardo Morosini, due ipotesi piuttosto remote a causa di ingaggi elevati percepiti dai due calciatori. Senza dimenticare Tommaso Ceccarelli, al quale l'Avellino ha offerto un biennale.

L'ultima idea riporta l'attenzione su un vecchio obiettivo dell'Avellino, vale a dire Mirko Carretta, pure lui in forza al Perugia e particolarmente apprezzato da Piero Braglia, che lo ebbe ai tempi di Cosenza. Più percorribile la strada che porta a Ludovico D'Orazio della Spal che, come spiega SportChannel, prima di accettare la proposta dell'Avellino, vorrebbe ricevere garanzie sul minutaggio.

tutte le notizie di