TuttoAv - Ferullo, la settimana prossima l'ingresso con il 15% delle quote. Obiettivo maggioranza e consulenti di fiducia. Ecco come potrebbe cambiare l'Avellino

 di Domenico Fabbricini Twitter:   articolo letto 2469 volte
TuttoAv - Ferullo, la settimana prossima l'ingresso con il 15% delle quote. Obiettivo maggioranza e consulenti di fiducia. Ecco come potrebbe cambiare l'Avellino

Siamo alle battute finali: entro la settimana prossima Angelo Ferullo sarà un nuovo socio dell'US Avellino. Come lui stesso dichiarato poco fa a Prima Tivvu' le parti sono ormai vicinissime e al 90% l'accordo è stato raggiunto. Nei prossimi giorni si dovrebbe colmare quel 10% di distanza che manca e dare l'annuncio ufficiale. Abbiamo provato a indagare sulla vicenda ed emerge quanto segue. Ferullo entrerà la prossima settimana con il 15% delle quote, che poi dovrebbero raddoppiare a gennaio e diventare il 30%. L'intenzione dell'imprenditore ex Latina è quella di arrivare ad avere la maggioranza della società, non a caso lui stessi nell'intervista ha detto che non è un problema di quote ma di progetto, ovviamente di crescita biancoverde. Ferullo utilizzerà i primi mesi in società per capire i margini di manovra e le potenzialità della squadra e della struttura, e se otterrà le garanzie richieste, a giugno potrebbe salire addirittura al 60% delle quote, diventando l'azionista di maggioranza. Taccone non ha mai escluso la possibilità di defilarsi, ora sta alle parti trovare l'accordo che soddisfi tutti.

Ferullo ha definito non a caso il calcio un'azienda, che se funziona può portare anche degli utili ed essere virtuosa, ma alle basi, diceva, deve esserci il settore giovanile. Ecco perché, sempre da quanto abbiamo raccolto, Ferullo dovrebbe entrare  con la carica di presidente del settore giovanile e nominare anche il nuovo allenatore (probabilmente è per questo che ancora si aspetta per la nomina), oltre che portare uno staff di propria fiducia.

E non è escluso, visto che ogni nuovo dirigente è solito portarsi dietro un proprio staff a maggior ragione se Ferullo dovesse diventare azionista di maggioranza, che ci siano stravolgimenti anche all'interno dell'organigramma della prima squadra. Ferullo ha fatto intendere che vorrebbe circondarsi di propri "consulenti" e chissà che questo non vada a toccare anche l'area dei direttori.

Infine la questione allenatore: Ferullo non è un estimatore di Novellino, e il suo ingresso potrebbe coincidere proprio con il post-Perugia. In caso di sconfitta il neo dirigente potrebbe spingere per un cambio di rotta: non a caso abbiamo parlato di contatti avviati con Drago, ma Ferullo anche in questo caso spingerebbe per un uomo di propria fiducia, ovvero Bortolo Mutti che non ha fatto benissimo nell'ultima esperienza a Livorno. 

Staremo a vedere, di sicuro Ferullo vorrà ponderare ogni passo per non sbagliare scelte, come è successo a Latina, e procedere gradualmente, ma il suo ingresso potrebbe davvero portare a un riassetto di tutta la società.