Abbastanza amaro il commento di coach Giorgio Valli al termine della terza sconfitta su quattro partite della Scandone Avellino: "Sapevamo che Cremona sarebbe stato un osso duro. Abbiamo pagato la mancanza di energia nell'ultima parte di gara. In attacco non abbiamo fatto male, concludendo con buone percentuali ma, dopo l'uscita di Shakur, ci è mancata una guardia che fosse in grado di battere la loro pressione. Eravamo riusciti a riprendere la partita e a portarci anche in vantaggio ma, poi, siamo tornati sotto e non siamo più riusciti a risalire. Il talento dei loro americani ha fatto la differenza. Abbiamo bisogno di maggiori energie, sia a livello fisico che mentale. Non eravamo al top, ma era normale visto che ci siamo ritrovati a giocare con poche pedine. E' tornato Johnson ma non l'ho schierato perché ultimamente non si è potuto allenare. Spero di avere il prima possibile anche Hardy.

In partite del genere, è fondamentale poter contare sull'apporto di molti elementi. Questo non serve come scusa. Chi è sceso in campo ha fatto il proprio dovere ma, soprattutto a livello difensivo, ci vuole maggiore energia. Al momento, non siamo in grado di giocare con intensità per quaranta minuti. Warren non era al massimo. Venerdì ha subito una distorsione al ginocchio. Non aveva molta forza nelle gambe. Inoltre, lui si trova meglio quando gioca con due guardie al suo fianco. Non è stato brillante ma sta giocando un po' fuori ruolo".

Sezione: Basket / Data: Lun 22 ottobre 2012 alle 15:15
Autore: Carmine Roca
vedi letture
Print