Zullo: "Speriamo di terminare la stagione. D'Agostino? Per l'Avellino è l'inizio di un nuovo percorso"

14.03.2020 15:32 di redazione TuttoAvellino Twitter:    Vedi letture
© foto di Andrea Rosito
Zullo: "Speriamo di terminare la stagione. D'Agostino? Per l'Avellino è l'inizio di un nuovo percorso"

Ai microfoni di RadioPuntoNuovo ha parlato il difensore dei lupi Walter Zullo: "Ho la fortuna di vivere in periferia, utilizzo lo spazio di fronte casa per esercizi a corpo libero e poi coltivo hobby, come leggere libri o guardare film per passare il tempo nel miglior modo possibile. Mi sento tutti i giorni con i miei compagni, c'è un pensiero comune ed è quello che, fermare l'attività sportiva, sia stata la scelta giusta. Bisogna capire quando verrà risolto il problema, intanto seguiamo le regole sperando che tutto vada bene. Ci alleniamo senza alterare il nostro fisico, per evitare di abbassare le difese immunitarie. Il preparatore atletico ci ha dato un programma da seguire tra le mura domestiche. Sappiamo anche che il campionato potrà anche non ricominciare. Ognuno di noi si auspica di poter riprendere, ma in primi va tutelata la salute nostra e dei nostri cari. Per quanto riguarda la nuova proprietà, D'Agostino ci è stato subito vicino. Inutile nascondere che è stata una stagione travagliata, ci siamo allontanati mentalmente dai problemi ma non è stato semplice. E ora che sembrava tutto risolto, ci siamo fermati per il Coronavirus. È stato comunque un anno positivo, perché c'è stato un cambio societario. Al club sono legato, ma è troppo presto parlare di futuro, vanno risolti prima i problemi veri. Penso possa essere l'inizio di un nuovo percorso per l'Avellino. Lo merita la squadra e lo meritano i tifosi. Noi quello che potevamo fare in campo lo abbiamo fatto, manca il rush finale, sperando di poterlo fare. Chi ha l'onore di indossare questa maglia deve dare sempre qualcosa in più, e anche i miei compagni lo hanno capito. Chi era qui da tempo ha cercato di far capire ai nuovi cosa significa avere questa maglia addosso. Capuano? È un allenatore sanguigno, sta soffrendo in modo particolare questa inattività forzata, ma sa che ha a disposizione un gruppo responsabile e troverà atleti ancora più carichi”.