Sasà Campilongo, ex allenatore della Cavese, da poco allontanato dalla panchina dei metelliani, ha parlato a Radio Punto Nuovo in merito alla gara tra Vibonese e Avellino di domani nei panni di doppio ex. Una gara complicata ma che può valere il secondo posto matematico ai lupi. 
Queste le parole di Campilongo: "Conoscendo Braglia, non lascerà nulla al caso. E' chiaro che se parliamo di stimoli, quelli della Vibonese sono più alti, essendo una sfida in cui si giocano una bella fetta di salvezza e quindi daranno tutto per ottenere l'obiettivo. E' una partita che entrambe non vogliono perdere, lo stesso Avellino vuole chiudere il campionato alla grande per blindare il secondo posto". 
Sul campionato: "In prospettiva playoff ci sono sempre delle incognite. E' vero, l'Avellino sta bene, ha meritato il secondo posto, ma ci sono avversarie forti e da qui a un mese può cambiare tanto. Ci sono tante incognite, di come ci si arriva e Covid permettendo. La Ternana ha fatto un campionato a parte, se la Ternana non avesse fatto questi numeri clamorosi, il credo che l'Avellino e forse anche il Bari sarebbero state protagoniste fino alla fine per il primo posto. L'Avellino non ha nulla da rimproverarsi, ha fatto un campionato eccezionale, trovando anche tante difficoltà a novembre-dicembre". 
Sul turnover: "Nessuno può dire a Braglia di aver sbagliato a fare questo turnover. Se Braglia poi avesse fatto giocare sempre gli stessi e avrebbe avuto problemi poi le colpe erano sue. Ad oggi a Braglia gli si può dire solo bravo e complimenti e non è finita. Ora ci sono i playoff e bisogna arrivarci al massimo, atleticamente bene e con energie recuperate. Io penso che l'Avellino farà bene. E' stato un campionato stressante, dove tutti abbiamo subito tante cose. Quindi riposare 3 settimane dall'ultima giornata di campionato e l'inizio dei playoff è importante e quindi si può arrivare perfettamente alla post season. Magari fare un ritiro, stare lontano da tutti, entrare in una bolla e magari fare delle amichevoli". 
Sull'infortunio di Luigi Silvestri: "Mi dispiace molto, gli voglio bene e gli telefonerò a breve. E' una grave perdita, non so se riuscirà a rientrare per i playoff, ma è un ragazzo che è cresciuto anno dopo anno, ha ottime qualità e temperamento. Doti che sono fondamentali ai playoff. Gli auguro di poter tornare presto". 
Su Laezza: "E' un'incognita. Non so se riuscirà a fare dei minuti nelle ultime 3 partite. Sarebbe ideale, per prepararsi anche psicologica per gare decisive. E' un giocatore molto eclettico e con grande forza. Sarebbe un recupero fondamentale e vedere se sarà pronto a 360°". 

Sezione: Focus / Data: Ven 16 aprile 2021 alle 17:15
Autore: Marco Costanza
Vedi letture
Print