Felice Evacuo, attaccante del Trapani ed ex Avellino, a Prima Tivvu' ha commentato l'incredibile vicenda della società siciliana, ieri non scesa in campo per posizione irregolare di allenatore e medico sociale: "Quello che sta succedendo è davanti gli occhi di tutti, lo abbiamo già denunciato, il sindaco ha chiesto l'intervento di Figc e Lega per monitorare la situazione. Dal 3 settembre la società, sia vecchia gestione sia nuova, non è riuscita ad organizzare se non in una sola occasione un allenamento collettivo. Sono sempre mancate le misure di sicurezza per rispettare il protocollo anti-Covid, in pratica non ci siamo mai allenati. Ieri per evitare che si potesse dubitare della nostra professionalità ci siamo presentati in campo per giocare una partita che per noi sarebbe stata atleticamente difficile contro la Casertana, purtroppo non abbiamo potuto giocare in quanto la società ha tesserato e l'allenatore troppo tardi rispetto ai regolamento e non hanno avuto l'ok della Lega. Ora fare dei pronostici e delle ipotesi è difficile perché la situazione è imbarazzante e l'umliazione di ieri dovrebbe colpire chi è artefice di questo disastro, invece si cercano ancora colpevoli altrove, si è cercato di incolpare il medico Mazzarella che invece è in malattia e aveva già comunicato l'assenza alla società via pec. Una persona che per 45 anni ha servito il Trapani gratis, si è arrivati all'inverosimile. Bastava leggere il regolamento e applicarlo, invece queste persone non hanno avuto neanche il buon senso di apprendere che non si può tesserare un allenatore o un medico il sabato prima della partita. Viene da pensare che o tutto è fatto in mala fede perché si vuole la scomparsa del Trapani, o si sta parlando di incompetenza oltraggiosa verso la città e la tifoseria".

Sezione: Focus / Data: Lun 28 settembre 2020 alle 14:30
Autore: redazione TuttoAvellino / Twitter: @tuttoavellinoit
Vedi letture
Print