Dario Rocco: "Avellino unito e sereno. La mia Juniores base importante per un grande settore giovanile"

11.03.2019 14:36 di redazione TuttoAvellino Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Dario Rocco: "Avellino unito e sereno. La mia Juniores base importante per un grande settore giovanile"

A Radio Punto Nuovo è intervenuto quest'oggi Dario Rocco, ex calciatore dell'Avellino e ora allenatore della Juniores biancoverde, prima in classifica. "Si vede che c'è grande serenità, la squadra sta bene, ha trovato compattezza e armonia, ora bisogna solo continuare a fare risultato. Il gruppo è sereno, si stanno preparando ad affrontare una partita alla volta, c'è voglia di rimonta ma anche responsabilità. Si sa che bisogna pensare una gara per volta e prepararsi al meglio e al contempo sperare in un passo falo del Lanusei. Il gruppo sta bene, ha tutte le carte in regola per dare il massimo, poi purtroppo non dipenderà solo dall'Avellino. Ora la sosta può servire ad avere più tempo per lavorare, Bucaro è entrato in corsa e può sfruttare il momento per dettare altre idee, mettere benzina nelle gambe, far rifiatare qualcuno e arrivare al rush finale con tutti gli effettivi al 100%. Entrare in corsa non è facile, il mister sta cercando di mettere insieme tutti i pezzi e prepararsi a questo rush finale con grande serenità. Lui non accetta cali di tensione, vuole sempre il massimo, anche nelle amichevoli, sotto questo aspetto non abbiamo nulla di cui preoccuparci. Grande fiducia al mister, alla squadra, e stiamo vedendo un gruppo che sta lavorando con grande unità. Da fuori vedo un grande lavoro. 

La mia Juniores sta andando bene, ci divertiamo, ho avuto la fortuna di mettere insieme ragazzi che conoscevo più innesti importanti, hanno accettato questo progetto, li ringrazio perché stanno facendo bene, fanno un bel calcio e andiamo avanti con la speranza di aver costruito qualcosa di importante per l'anno prossimo quando ci sarà bisogno della Berretti in caso di Lega Pro. Prevedo un grande settore giovanile perchè Avellino lo merita, bisogna sognare di giocare al Partenio e non in altri stadi, deve essere un punto di riferimento per i ragazzi di Avellino. Giocare al Partenio è un privilegio che io ho avuto, un'emozione fortissima che auguro a tutti i ragazzi che crescono ad Avellino, e ci sono tutte le possibilità di farlo. Aspettiamo che la prima squadra faccia il suo dovere e creare qualcosa di importante anche per i giovani".