Intervistato da Radio Punto Nuovo, Leonardo Bitetto, ex allenatore, tra le altre, della Cavese, ha parlato di Giuseppe Fella, attaccante ora in forza all'Avellino e che ha avuto proprio a Cava. 
Queste le sue parole: "Quando ho allenato la Cavese ho avuto Fella in organico. Mi aspettavo qualcosina in più da lui, come tutti i tifosi. E' arrivato in pompa magna, come capocannoniere della scorsa stagione in Serie C girone C ma ci può stare. Lui ha anche altre caratteristiche, è un ottimo ruba palloni e corre tanto sacrificandosi per la squadra. Lui è una seconda punta, è uno che non da mai punti di riferimento. Non è molto bravo come rifinitore o trequartista, ma una seconda punta. Con me fece anche la mezz'ala, è imprevedibile quando si inserisce. Non da mai punti di riferimento ed è sempre molto difficile da marcare. Un partner ideale per Fella? Uno che dà più fisicità all'attacco, più struttura, credo che con un Maniero o un Bernardotto si sposi bene. Sotto l'aspetto umano e professionale, Giuseppe è un modello autentico, non sta rendendo perchè è in prestito? Non scherziamo, è uno che da sempre l'anima in campo e giocare nell'Avellino è un obiettivo ambito". 
Su Avellino-Cavese: "E' una partita trappola per l'Avellino. Quante partite si sono viste in passato dove la squadra in difficoltà vince con la squadra di alta classifica. La Cavese non ha nulla da perdere, ha cambiato un tecnico con l'arrivo di Campilongo che ha portato entusiasmo e determinazione". 
Sulla classifica: "La Ternana al momento è andata, poi c'è il Bari e poi un bel gruppo, dove c'è l'Avellino, il Catania, mi piace il Teramo. Queste sono formazioni che possono insidiare anche il secondo posto del Bari". 

Sezione: News / Data: Mer 13 gennaio 2021 alle 15:13
Autore: Marco Costanza
Vedi letture
Print