Il coach della Scandone Gianluca De Gennaro ha presentato, in videoconferenza in ottemperanza alle disposizioni anti-Covid, la sfida di domani di esordio nel campionato di B: "Siamo alla vigilia della prima partita di campionato, sono molto contento di tornare a giocare e tornare a parlare di basket giocato dopo tanti mesi di attesa. Nonostante la situazione Covid. Siamo una squadra nuova, escluso Marzaioli unico superstite, abbiamo creato un roster nuovo, un mix tra giovani e senior, secondo me all'altezza del compito che devono affrontare. Abbiamo fatto un precampionato buono, sono contento degli allenamenti. Purtroppo abbiamo fatto pochissime partite e può essere un handicap, ma pazienza. In questo momento non si poteva fare di meglio. Ci sono stanti momenti in cui abbiamo lavorato tanto, dei periodi di quarantena, ora ci siamo e pronti ad affrontare la prima partita. Affrontiamo Formia, siamo carichi per affrontare la partita nel modo migliore.

Formia è una squadra molto buona, un mix tra giovani e senior, Longobardi è un decano della categoria, ha fatto grandi numeri in questi anni, l'uomo chiave, un occhio di riguardo dovremo averlo. Ma ce ne sono tanti altri bravi e giovani, con voglia di mettersi in mostra in campionato. Il nostro Iannuale è cresciuto ad Avellino, è andato in giro per l'Italia e ora è a Formia. Noi dobbiamo essere pronti ad affrontarli, a mettere in campo la nostra voglia di dimostrare che quest'anno vogliamo fare bene, conosciamo il nostro handicap in classifica, vogliamo partire forti e giocando in casa dobbiamo tenere intensità alta per 40 minuti.

Quest'anno la serie B è un campionato particolare, aver cambiato formula per noi non è una cosa che ci favorisce, ci saranno 8 partite in meno e per la nostra situazione potrebbe essere un problema alla lunga, spero che la federazione possa venirci incontro e toglierci qualche punto di penalizzazione o avremo meno tempo per recuperare l'handicap. Affronteremo ogni partita al massimo per dimostrare che siamo una squadra solida che vuol fare bene. Abbiamo tanti punti di forza, tutti possono fare molto, abbiamo preso giocatori di esperienza, sono contento che la società li abbia presi, avevano voglia di venire ad Avellino, erano stati opzionati a giugno, hanno aspettato che potessimo muoverci e questo è stato un segnale forte per noi. I giovani anche sono interessanti, con excursus importanti e bagagli tecnici di spessore. Ho una squadra che mi sta dando tanto, il campo poi ci dirà cosa possiamo fare, ma le due partite di Supercoppa hanno dimostrato che questa squadra non molla mai.

C'è da migliorare la chimica di squadra, ma questo verrà con le partite, dobbiamo solo giocare e migliorare la conoscenza tra i giocatori. La pandemia ci pone in una brutta situazione, può condizionare una stagione ma la salute viene prima di tutto e come società abbiamo deciso di fare tamponi ogni settimana per tutelare la salute di tutti. Ci auguriamo di non avere casi eclatanti ma tutte le squadre devono conviverci, speriamo nel vaccino. Sarà brutto anche giocare senza pubblico e ci rammarica molto, la forza di Avellino è sempre stata la tifoseria sempre presente e calda. Spero possano tornare presto al nostro fianco, noi dobbiamo essere bravi a mantenere alta la passione.

Sarà un anno difficile, inutile nasconderlo ma i presupposti sono positivi e sono contento di quello che ha fatto la società. Mi auguro di dare tante soddisfazioni ai nostri tifosi dopo un anno difficile".

Sezione: Basket / Data: Ven 27 novembre 2020 alle 12:42
Autore: redazione TuttoAvellino / Twitter: @tuttoavellinoit
Vedi letture
Print