E' arrivato a gennaio per completare e migliorare il centrocampo dell'Avellino, impreziosendolo con la sua qualità. Due promozioni in Serie B, in carriera, con le maglie di Juve Stabia e Pisa, Nicolas Izzillo è un calciatore duttile, ha dimostrato di poter giocare da mezzala o da trequartista con identici positivi risultati: "Ma per l'Avellino giocherei anche in porta, se mister Capuano me lo chiedesse", ha dichiarato a TuttoAvellino.

Izzillo, come i suoi compagni e gli atleti delle altre società di Lega Pro, sta continuando ad allenarsi per farsi trovare pronto alla ripresa del campionato: "Mi alleno da solo, ogni giorno mi sottopongo ad almeno un'oretta di allenamento seguendo il programma stilato per noi dal mister, che include una dieta rigorosa. Lo stop a questo punto della stagione non ci voleva, eravamo riusciti a trovare la quadratura del cerchio, però con la salute non si scherza. E' stato giusto fermarsi, il calcio, in questi momenti, passa in secondo piano".

Alla ripresa, Capuano ha già messo nel mirino l'obiettivo playoff. Secondo te sarà possibile raggiungerlo?
"Innanzitutto dobbiamo continuare a giocare come nell'ultimo periodo, affrontando ogni partita come se fosse una finale. Mancano otto giornate al termine della stagione regolare, facciamo quanti più punti possibili e alla fine tireremo le somme. La nostra è una squadra molto forte, siamo un gruppo unito, affiatato. Capuano è un tecnico esperto e preparato, ha saputo dare la sua impronta e trasmettere il suo carattere all'Avellino. Possiamo farcela".

Sei arrivato a gennaio, ma hai vissuto già tre mesi parecchio intensi, con un cambio di proprietà e l'arrivo di una nuova società.
"Sì, quando sono arrivato ad Avellino c'era una situazione particolare, non riuscivamo a capire chi fosse il presidente. Con l'arrivo del presidente D'Agostino siamo più tranquilli, ma anche durante quel caos e con tutte le incertezze sul futuro, siamo riusciti a restare compatti e a pensare esclusivamente al campo. E credo che i risultati siano la prova. Al mio arrivo sono rimasto molto colpito da questa rosa, soprattutto dal lato umano".

Sei in prestito dal Pisa, se ci fossero le possibilità ti piacerebbe restare ad Avellino?
"Certo che sì, Avellino è una piazza bellissima, con un tifo pazzesco. Ovviamente non dipenderà esclusivamente da me, ma dalle due società. Qui sono stato accolto bene e mi sto trovando benissimo".

Se potessi consigliare un tuo compagno a un club di Serie A o Serie B, quale sarebbe la tua scelta?
"Non ho dubbi: Fabiano Parisi. Credo non c'entri nulla con questa categoria. Ma pure Micovschi è un calciatore di talento, che farà carriera. E poi non dimentichiamoci quelli un po' più anziani (ride, ndr) come Di Paolantonio e Celjak, che è un professionista esemplare". 

Sezione: Esclusive / Data: Ven 13 marzo 2020 alle 11:30
Autore: Carmine Roca
Vedi letture
Print