Sei reti all'Atletico Fiuggi dell'ex Incocciati nel primo vero test del pre-campionato dell'Avellino. 

A quattro giorni dall'esordio stagionale contro il Renate, in Coppa Italia, è parsa buona la condizione atletica dei biancoverdi, anche se c'è qualcosa da migliorare nei movimenti difensivi e offensivi. 

Positiva la prova di tutti i calciatori schierati da Braglia, in particolare di questi cinque: 

MANIERO – Il gol è nel suo Dna, lo dimostra alla prima occasione utile segnandone quattro all’Atletico Terme Fiuggi. Un poker di reti, due per tempo, ma ne avrebbe potuti realizzare almeno un altro paio se Spadini avesse tenuto alta la saracinesca della sua porta. L’ex barese ha segnato di potenza il primo e il quarto gol, strappando applausi in occasione della seconda e terza marcatura, arrivate con colpi precisi all’angolino (bello il tocco di esterno destro per il momentaneo 5-0). Buone le combinazioni offensive con Santaniello, da migliorare quelle con Bernardotto che, per struttura fisica, gli è molto simile.

SANTANIELLO – Suo il primo gol della giornata, con un tocco da opportunista a pochi passi dalla porta. Braglia gli ha chiesto di tornare spesso a dare una mano ai compagni a centrocampo, lui si è sacrificato correndo tanto e azionando il raddoppio di Maniero, con una bella sponda di testa.

MICELI – Il regista aggiunto dell’Avellino. Ogni tanto l’abbiamo visto anche in una posizione più avanzata rispetto a De Francesco, il principale regista della squadra. Lanci millimetrici per i compagni, buone giocate di prima intenzione a innescare le sortite offensive e ovviamente una discreta copertura difensiva, in attesa di vederlo all’opera contro avversari più quotati.

ADAMO – E’ arrivato in città in giornata, Braglia lo ha subito mandato in campo schierandolo sull’out mancino del 3-5-2 e poi nella posizione di terzo in difesa a destra. Brevilineo e bravo palla al piede, l’ex Casertana ha smazzato l’assist per il vantaggio di Santaniello e corso come un dannato per attirare l’attenzione di Braglia e Di Somma. Obiettivo raggiunto, domani con la Cavese dovrà ripetersi.

RIZZO – Con compiti più offensivi, il classe ’99 tornato da Livorno ha impressionato per carattere e forma atletica. Motorino instancabile per tutto l’incontro, ha servito l’assist a Maniero per il 6-0 e disputato una buona prova sfruttando l’assenza di Ciancio, assente per il Covid.

Sezione: Focus / Data: Sab 19 settembre 2020 alle 18:43
Autore: redazione TuttoAvellino / Twitter: @tuttoavellinoit
Vedi letture
Print