Fortunato Varrà, ds del Potenza, ha parlato a Radio Punto Nuovo in vista della gara contro l'Avellino di sabato pomeriggio. 
Queste le sue parole: "Stiamo bene, il Potenza è una squadra in salute, è un gruppo nuovo, stiamo lavorando bene. Verremo ad Avellino con tanta voglia di far bene, sappiamo che giocheremo in uno stadio importante, che ha fatto la storia, ma non ci faremo intimidire. Cosa temere? Io credo che comunque l'Avellino sia una squadra forte, importante, che poi ha faticato in questo avvio, ma che ha tutto per risollevarsi. Verremo ad Avellino con attenzione, sapendo di affrontare una squadra forte. Non faremo calcoli e proveremo a giocare con umiltà". 
Su Siviglia: "E' un allenatore giovane, che ha voglia di riscatto, dopo il fallimento del Carpi. E' un ragazzo molto preparato, che fa del temperamento la sua forza.

Il dialogo è un punto di forza, visto che sta lavorando molto sulla testa dei ragazzi". 
Il segreto del Potenza: "Nessun segreto, siamo una squadra che non molla mai, che lotta su ogni pallone, che si batte su ogni palla. Fa piacere tutto questo, speriamo di reperire la prima vittoria quanto prima". 
Sul girone C: "E' un campionato difficilissimo. Crotone e Catanzaro credo che hanno qualcosa più delle altre. Poi ci sono Avellino, Pescara, Monopoli, sento dire che è una B2, ma no, la Serie B è tutt'altro". 
Sulle partite di mattina: "Sono un po' all'antica, preferisco le partite alle 14.30. Secondo me non siamo pronti, dobbiamo abituare anche le famiglie e un nostro sistema. Ci adegueremo". 

Sezione: L'Avversario / Data: Gio 29 settembre 2022 alle 14:50
Autore: Marco Costanza
vedi letture
Print