Ai microfoni di Orticalab è intervenuto l’ex Paul Biligha, ora alla Reyer Venezia, che ha parlato della gara di domenica, soffermandosi anche sul campionato di Serie A: “La Scandone ha perso qualcosa, ma con i nuovi innesti ha recuperato tantissimo. E’ molto pericolosa negli esterni e nelle individualità. In attacco fa paura. Insomma, non devo essere io a raccontare alla piazza di Avellino quanto è forte la Scandone. Dico solo che sta a noi prepararla nel miglior modo possibile. Ogni partita è diversa dalla successiva. Quella di domenica non c’entra nulla con quelle passate e non perché più volte si è vinto, Venezia parta con i favori del pronostico. Faremo il possibile per vincere. Sarà il campo, poi a dire chi avrà la meglio.

Sono molto contento che i tifosi della Reyer si reputino fratelli con i ragazzi di Avellino. E mi fa ancora più piacere toccare con mano che è un’amicizia che prescinde dai risultati sul campo. Le due tifoserie sono un esempio per tutto il basket italiano. Avellino ha rappresentato un percorso che per la mia maturità è stato importante. Ho conosciuto un basket di un livello superiore. Ho avuto l’opportunità di crescere con giocatori che avevano giocato in Eurolega e con altri che presto l’avrebbero giocata. Ho avuto tanti punti di riferimento. Nel mio percorso di crescita Avellino mi ha dato tanto e sarò sempre grato alla città e al pubblico”.

Sezione: Basket / Data: Ven 23 novembre 2018 alle 12:45
Autore: Ugo De Mattia
vedi letture
Print