Il sindaco Festa: "Sono arrivate due offerte per l'Avellino", ma intanto De Cesare si tutela

20.07.2019 11:45 di redazione TuttoAvellino Twitter:    Vedi letture
Il sindaco Festa: "Sono arrivate due offerte per l'Avellino", ma intanto De Cesare si tutela

Qualcosa si muove in casa Avellino. Proprio pochi minuti fa ai cronisti il sindaco Gianluca Festa ha comunicato l'arrivo ufficiale di manifestazioni di interesse a rilevare l'Avellino. "Posso dirvi che sono arrivate almeno due pec di manifestazione di interesse a rilevare l'Avellino Calcio, arrivate per le vie brevi anche sulla mia pec, una è dell'avvocato Reppucci (avvocato di D'Agostino, ndr) e l'altra del dottore Garau (in rappresentanza probabilmente del gruppo sardo di cui si è parlato, ndr), non posso rivelare le identità degli acquirenti rappresentati ma sono due professionisti seri che hanno mostrato interesse per la trattativa. Ora i commissari intavoleranno la trattativa per valutare se ci sono le condizioni per la cessione del club".

Queste dunque le ultimissime, ma ciò non vuol dire che a breve si concretizzerà la cessione. Cosa potrebbe accadere quindi? Le offerte saranno valutate dai commissari, poiché come noto in amministrazione controllata ogni offerta giunta alla Sidigas deve essere al vaglio dei commissari, che decideranno se procedere o meno con le trattative. E' anche per questo motivo che De Cesare non può vendere a costo zero, i commissari non avallerebbero l'operazione viste le difficoltà economiche della Sidigas, e un imprenditore che dovrà investire almeno 2/2,5 milioni per rilevare la società più alcuni milioni per allestire la rosa, deve fare bene le sue valutazioni per capire se il costo è sostenibile in un campionato come la C dove le entrate di diritti tv e sponsor sono ridotte. Ad ogni modo le offerte per ora sono arrivate, non conosciamo l'entità né se andranno a buon fine, ma in alternative De Cesare si sta tutelando per far partire quantomeno la stagione visto che la squadra è iscritta.

Se non accadrà nulla da qui a lunedì, l'ingegnere dovrebbe convocare Bucaro e Musa per proporgli di allestire e guidare una squadra a budget ridotto, circa 1 milione di euro totale di ingaggi, costruendo una squadra di svincolati (compresi i giocatori provenienti dalla passata stagione in attesa di una chiamata) e prestiti (per legge massimo sei consentiti però).

Non resta quindi che aspettare lunedì, se non ci sarà l'annuncio della ripartenza con Bucaro e Musa allora potrebbe darsi che i commissari stiano davvero valutando l'offerta di uno dei due gruppi.