Ha fatto un pò parlare di sè la non convocazione dell'esterno Giovanni Pinto con il Catania, per la gara di Coppa Italia con il Notaresco (gara rinviata per maltempo). L'esterno sinistro, finito anche nel mirino dell'Avellino, ha un contratto in essere con il club etneo ma in caso di mancato rinnovo, potrebbe guardarsi intorno, e l'Avellino sarebbe in pole position. 

Intervistato da TuttoCalcioCatania.comil procuratore di Pinto, Alberto Bergossi, ha spiegato un pò la situazione di Pinto e della sua non convocazione per la Coppa Italia. 

Queste le parole di Bergossi: "Nessun caso legato a Pinto, assolutamente. Il giocatore ha avuto una distorsione al ginocchio un pò di tempo fa, non ha ancora recuperato al 100% e quindi si è preferito non rischiarlo. Sono in contatto con Pellegrino per un prolungamento del contratto. Stiamo entrando nel dettaglio della trattativa, per il momento Pellegrino è impegnato su altri fronti di stretta attualità. E’ chiaro che se non si trova l’accordo, Avellino sarebbe una piazza gradita ma Pinto ha un contratto con il Catania e decide la società. La dirigenza vuole prolungare il contratto, poi è chiaro che va trovato un accordo. Rientra nella normalità delle cose, i matrimoni si fanno in due. Però ripeto, non mi sembra che ci siano problemi in questo senso con il Catania. Se il club considerebbe la cessione in caso di offerta importante? Magari se arrivassero proposte dalla Serie B, ma ribadisco che la volontà del Catania è di trattenerlo. Questa di Catania è già una grande piazza”.

Sezione: Focus / Data: Mer 23 settembre 2020 alle 21:09
Autore: redazione TuttoAvellino / Twitter: @tuttoavellinoit
Vedi letture
Print