La gara amichevole tra "B Italia", la selezione che valorizza i giovani della seconda divisione tricolore (guidata dal tecnico Massimo Piscedda), e la nazionale della 2a divisione russa, in programma domani (ore 12) allo stadio "Silvio Piola" di Vercelli, è diventata un'opportunità unica per far conoscere il territorio di Vercelli ad una delegazione di presidenti/imprenditori russi. Un'occasione sfruttata al meglio dalle istituzioni locali (a partire dalla municipalità di Vercelli), che hanno voluto dare un caloroso benvenuto alla squadra russa e al presidente della Football National league of Russia (Igor Efremov), all'interno della sala giunta, alla presenza del primo cittadino (Maura Forte), dell'assessore allo sport (Carlo Nulli Rosso) e del vice-presidente della Pro Vercelli (club del campionato di serie B), Jose Saggia. Quest'ultimo ha sottolineato l'interesse del territorio per questa iniziativa di Lega a metà tra sport e business, con la presenza tra l'altro di tre calciatori della Pro Vercelli 1892 nella squadra di Lega (il difensore Mattia Bani; il centrocampista Simone Emmanuello e l'attaccante Niccolò Belloni)
Il presidente Igor Efremov (Lega calcio russa di 2a divisione) ha dichiarato ai rappresentanti dei media, che sta lavorando per l'organizzazione di una nuova amichevole tra le selezioni delle due Leghe (nel novembre 2015). Allo studio vi sono tre possibili opzioni (verrà coinvolto sicuramente un club della FNL).                       La Lega di seconda divisione russa, in questi ultimi due anni, ha fornito alle nazionali maggiori più di 15 calciatori (sei in quest'ultimo anno solare). Nella partita di Vercelli giocheranno alcuni giovani provenienti da squadre della Siberia (in generale nella B russa si gioca su campi distanti tra loro anche ben nove ore in media). 
Il presidente della Lega serie B, Andrea Abodi, si augura che, andando oltre il calcio giocato, possa nascere una importante collaborazione imprenditoriale (nella sala del consiglio comunale di Vercelli erano presenti ben 18 imprenditori russi al seguito della nazionale B) tra le due realtà. Importante anche il seguito mediatico che verrà dato al match di domani allo stadio "Silvio Piola", trasmesso dalla tv pubblica russa. 
Dopo la conferenza stampa, il direttore generale Paolo Bedin ha illustrato (all'interno della sala del consiglio comunale), il progetto della nuova Lega serie B, nata appena 4 anni fa (nel 2010). "Siamo partiti dalla elaborazione dei più importanti processi organizzativi" - ha spiegato il manager italiano.

"La serie B coinvolge 21 città in 22 province, in rappresentanza di 15 milioni di abitanti (è il bacino potenziale della Lega serie B). Dieci squadre nel nord Italia, sette nel centro e cinque nel sud del paese. Per un totale 10 mesi di programmazione con 462 partite a calendario nel corso della stagione (22 squadre iscritte al campionato). Il tifoso "medio" della serie B italiana è al 62% di sesso maschile". Nel futuro prevista anche la realizzazione di un villaggio ospitalità che possa dare maggiore risalto alle attività della Lega e dei club coinvolti nei play-off. Un modo per far divertire e coinvolgere i tifosi in un ambiente confortevole e ludico. 
La Football National League of Russia è stata fondata nel 2011 e conta 20 team (due di questi promossi direttamente nella Russian Premier league, l'equivalente della nostra "serie "A").  Può vantare la presenza di quattro degli stadi selezionati per la Russia Fifa World Cup (2018),  collegati a squadre della seconda divisione (come l'avveniristico impianto di Kalilingrad). La prima divisione riversa un importante fixed fee e un ulteriore 10 per cento collegato alla vendita dei commercial & tv rights attraverso TeleSport. 

Sezione: News / Data: Mar 25 novembre 2014 alle 21:35 / Fonte: legaserieb.it
Autore: Pasquale Nappo
vedi letture
Print