copertina

Braglia: “Questa squadra, al completo, farà grandi cose, ma oggi ne mancavano 8”

Braglia: “Questa squadra, al completo, farà grandi cose, ma oggi ne mancavano 8”

Nella conferenza stampa post-gara, Piero Braglia, allenatore dell'Avellino, ha analizzato il ko con il Catania.  Queste le sue parole: "Io vado a vedere la realtà. Se ti mancano 7-8 giocatori non sono attenuanti ma è...

Marco Costanza

Nella conferenza stampa post-gara, Piero Braglia, allenatore dell'Avellino, ha analizzato il ko con il Catania. 

Queste le sue parole: "Io vado a vedere la realtà. Se ti mancano 7-8 giocatori non sono attenuanti ma è la realtà. Non voglio scuse, purtroppo è così, non posso inventarmi nulla. I ragazzi hanno dato il massimo, non posso dirgli nulla. Fella ha fatto la mezz'ala, Ciancio mezz'ala, Santaniello il trequartista, altra gente adattata. Lo vedo anche io che non abbiamo gioco e facciamo fatica, ma purtroppo manca mezza squadra, c'è poco da dire. Dobbiamo attendere che recuperiamo tutti e andare avanti. Da stare zitti e lavorare. Ci mancano Aloi, D'Angelo ed Errico, che non abbiamo mai avuto. Questo è un campionato che se hai la disgrazia di cadere nel calderone del Covid fai molta fatica. Pure con il Catanzaro o a Pagani, quanti ne mancavano, 8 come oggi, ci siamo adattati, ma questo non è calcio Se si deve giocare è questo, purtroppo il campionato va avanti, non possiamo restare a casa". Trovare contromisure: "Io faccio questo mestiere da una vita, è il mio mestiere trovare contromisure da una vita, ma non in questo momento. Se ti mancano 8-9 giocatori che contromisure devo trovare? Che poi ti gira anche male. Autorete, rimpalli e questo e quello. Non è un alibi, io non mi aggrappo agli alibi. Fino a 4 domeniche fa la squadra doveva vincere il campionato, poi è arrivato il Covid e stiamo parlando di crisi e difficoltà. Abbiamo dato tutto in campo, ho visto dopo il secondo gol qualcuno che era demoralizzato e non deve più succedere". Seconde linee non all'altezza: "Non è vero, oggi in mezzo al campo avevamo De Francesco reduce da infortuni e Silvestri reduce dal Covid. Bruzzo è venuto in panchina per numero, gli altri tutti fuori. Cosa dovevo fare? Siamo partitri da una rosa nuoca completamente, ma non ho potuto mai contare su tutti gli uomini. Questa squadra, quando è al completo, è un'altra squadra".