Moreno Roggi, ex calciatore dell'Avellino e ora procuratore, a Sportchannel ha parlato del nuovo stadio dell'Avellino e della possibilità che cambi nome: "Io credo che il discorso della Superlega sia di buon insegnamento. Il calcio è passione ed emozione, prima di prendere qualsiasi decisione bisogna ascoltare i tifosi, altrimenti come nel caso recente si sono lamentato e i proprietari sono tornati indietro chiedendo scusa. Sono per un calcio emotivo, che sia dei tifosi, per tutto ciò che rappresenta maglia, nomi, passato e storia, quindi non cambierei mai il nome Partenio-Lombardi. Gli sponsor cambiano ma la storia resta, non cambierei mai nomi". 

Sull'Avellino del presente dice: "L'Avellino sta facendo un grande campionato, ha trovato un grande appassionato e potente presidente, ha trovato un grande allenatore oltre a un grande direttore sportivo: ha tutte le componenti, unite alla voce del tifo che fa sentire sempre la sua vicinanza, per arrivare subito in B e poi provare ad andare in A. Ho giocato con Braglia nella Fiorentina e poi l'ho seguito da allenatore, ha caratteristiche perfette per guidare una squadra come l'Avellino non solo in C e non solo in B. Era molto bravo tecnicamente, era solo un po' brontolone come lo è ora da allenatore".

Sezione: Ex biancoverdi / Data: Gio 22 aprile 2021 alle 13:49
Autore: redazione TuttoAvellino / Twitter: @tuttoavellinoit
Vedi letture
Print