La sterlità offensiva dei biancoverdi, purtroppo, è ben nota e l'acquisto di una prima punta da affiancare a Castaldo sarebbe la panacea del mal d'attacco da cui, come parlano le statistiche, sono afflitti gli uomini di mister Rastelli. Un problema importante che è costato caro ai lupi finora in ben quattro circostanze su nove partite disputate. Infatti l' incapacità di raddoppiare finalizzando le occasioni che grazie alla mole di gioco sciorinato continuano sempre ad essere prodotte dopo i vantaggi iniziali, ha impedito a Fabbro e soci di portare a casa punti pesanti che sarebbero valsi ai biancoverdi la vetta della classifica con ampio margine di vantaggio nella migliore delle ipotesi. Una conseutudine che rischia di divenire una tipicità di cui i biancoverdi indubbiamente non possono vantarsi e che finora si è registrata in ben 3 delle 4 gare interne finora giocate al Partenio, con Prato, Paganese e Perugia e ha rischiato di materializzarsi anche nell' unica partita finora vinta tra le mura amiche con il Barletta e che domenica per la prima volta è emersa anche a Viareggio,  visto il risultato finale dopo il momentaneo 1-0 siglato da Biancolino su rigore.

 A parlare sono anche i numeri, che rivelano purtroppo come al di là dell' ottavo posto nella classifica per gol fatti, dei 9 gol realizzati dai biancoverdi in questo arco di stagione, 5 siano stati siglati su rigore, 3 provengano da palle inattive e soltanto 1, quello di Castaldo con la Paganese sia il coronamento di un' azione, in quel caso resa splendida dal magnifico assist di Biancolino all' ex ariete della Nocerina. Una carenza dunque che è palese, che può essere ancora tamponata grazie all' esperienza di Biancolino e alla qualità di De Angelis e del recuperato Lasagna che insieme con Castaldo formano il pacchetto offensivo, ma che con interventi della dirigenza a gennaio necessita di essere definitivamente risolta. 

Sezione: Focus / Data: Mar 30 ottobre 2012 alle 13:44
Autore: Angelo De Rogatis
vedi letture
Print