L'ex attaccante dell'Avellino, attuale tecnico dell'Under 15 biancoverde, Gigi Molino, ha parlato a Contatto Sport su Prima Tivvù, analizzando il campionato dei lupi e i playoff che sono ai nastri di partenza. 

Queste le parole di Molino: "Il campionato che ha fatto l'Avellino rimane straordinario. E' chiaro che quando hai in mano il secondo posto e poi lo perdi nelle battute finali resta un pò di rammarico. Ora bisogna un pò smaltire la delusione, ricompattarsi, e guardare ai playoff. L'Avellino se dovesse riprendersi mentalmente e fisicamente, potrà dire la sua fino alla fine e può giocarsela contro ogni avversario". 
Il turnover degli attaccanti: "Il mister dall'inizio sta provando a tenere tutti sulla corda, ruotando tutti i giocatori. Magari ora i numeri dicono che si è segnato poco, contando che comunque alcuni attaccanti hanno avuto il Covid, e quindi anche questo ha influito, ma io penso che il rendimento complessivo sia stato ottimale. Non c'è stato il bomber principe da 15-20 gol, ma è stata una cooperativa del gol con tanti giocatori a segno". 
Sui playoff: "L'Avellino dopo Bari non dico che abbia staccato la spina ma penso che era sicura del secondo posto e si è un pò rilassata. Io penso che se doveva arrivare un periodo negativo, meglio ora che tra 15 giorni, quando se sbagli vai a casa. L'Avellino penso che tra le prime 6 ci può arrivare tranquillamente, poi da lì sono tutte alla pari, è un mini torneo e varranno tanti fattori. L'Avellino deve essere bravo a ritrovare le energie e la mentalità di qualche mese fa". 
Il calo: "Io penso che il calo sia stato più mentale che fisico, che dopo Bari pensavamo tutti che il secondo posto fosse ormai chiuso. Poi il Catanzaro ha chiuso alla grande la stagione, vincendo partite durissime come con Catania e Juve Stabia e ci ha raggiunto. Ma il calo dell'Avellino non è stato fisico ma mentale". 

Chi può essere protagonista ai playoff: "Fella e Maniero senza dubbio, possono trascinare questa squadra molto lontano". 

Sezione: Focus / Data: Mar 04 maggio 2021 alle 09:00
Autore: Marco Costanza
Vedi letture
Print