Daniele Cacia si toglie qualche sassolino dalle scarpe a inizio analisi postpartita: "Sono stati due mesi difficili per me perché prima del calcio ci sono le persone e ad Ascoli in questi due mesi la persona è stata messa molto da parte. I giocatori possono cambiare piazza ma ci sono modi e modi di trattare le persone. Purtroppo ho avuto a che fare con qualcuno che faccio fatica a chiamare dirigente.

Cosa si è rotto? Dovreste chiederlo ad Ascoli, sono state delle tante bugie su di me, io faccio parlare i fatti non le chiacchiere. Il record di Schwoch? Non voglio che diventi un'ossessione o vivi male, voglio vivere questa esperienza con determinazione, mi sento ancora giovane, mi sento bene, gli acciacchi ci sono ma sto bene e se un giocatore a 34 anni sta bene mentalmente può fare belle cose come oggi ho dimostrato".

Sezione: L'Avversario / Data: Ven 15 settembre 2017 alle 23:26
Autore: Domenico Fabbricini / Twitter: @Dfabbricini
vedi letture
Print