La Ternana ha vinto il campionato di Serie C girone C, con merito, dimostrando in lungo e in largo di essere la più forte, miglior difesa, miglior attacco, migliore squadra con possesso palla, una sola sconfitta in campionato. Insomma, numeri straordinari. La festa è scattata dopo il 4-1 con l'Avellino di ieri, un netto successo, che ha suggellato la superiorità delle "Fere", +18 sulla seconda (nonostante le tante assenze, almeno 6 titolari, ma non è una attenuante). 
Festa giusta per la società umbra, per i calciatori, per tutti. Il presidente Bandecchi, molto attivo sui social, è stato tra i più inneggiati, festeggiando la promozione anche nel giorno dei 60 anni (auguri). Il presidente è stato però protagonista di una foto postata come storia su Instagram. Un orso che rincorre e scaccia un lupo. Una foto che non è passata inosservata ai tifosi dell'Avellino, che ovviamente ha scaturito polemiche sui social.
Evidentemente una foto di cattivo gusto, riferita alla netta vittoria delle Fere sull'Avellino. In una serata di festa, per la storica promozione in B, postare una foto sfottò ad una squadra avversaria, non è stato certo un bel gesto, anche perchè, siamo certi, al contrario, non sarebbe stato fatto. 
Evidentemente Bandecchi avrà pensato a qualche sconfitta non proprio digerita bene, come quella del maggio 2018, quando l'Avellino si salvò proprio al Liberati di Terni, all'ultima giornata (il presidente da poco era entrato in sella alla società umbra), quando i tifosi dei lupi la fecero da padrone in casa sua, oppure alle due sconfitte della scorsa stagione in campionato. Oppure qualche altra spiegazione, che evidentemente il presidente saprà dare.
Fatto sta, che la Ternana ha strameritato di vincere, ma pensare all'Avellino in un momento di festa, da parte del suo presidente, deve far anche riempire di orgoglio Braglia, i calciatori e la società, perchè vuol dire che se pur minimamente, la Ternana, un pò timore dei lupi lo ha avuto. 

Sezione: L'Avversario / Data: Dom 04 aprile 2021 alle 22:12
Autore: Marco Costanza
Vedi letture
Print