Si svolgerà martedì 30 settembre a Milano quale primo evento del programma sport del semestre di Presidenza Italiana del Consiglio dell'UE, un seminario di alto livello su un tema chiave per la tutela e la promozione dell'integrità dello sport: la lotta alle partite truccate. All'incontro porterà il suo contributo anche la Lega Serie B con il suo presidente Andrea Abodi. L'appuntamento avrà inizio alle 8,30 e proseguirà per tutta la giornata.
Il simposio, promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri -Dipartimento affari regionali, autonomie e sport – Ufficio per lo sport, in collaborazione con l'Università Cattolica di Milano e Transparency International Italia, avrà luogo presso la Sala Alessi di Palazzo Marino, e sarà l'occasione per approfondire un tema delicato e di grande attualità, al centro del dibattito internazionale anche in relazione alla nuova Convenzione messa a punto in sede di Consiglio d'Europa. 
Sarà presente il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia che rivolgerà ai convenuti un indirizzo di saluto. 
I lavori saranno aperti da Giovanni Panebianco, coordinatore dell'Ufficio Sport e Presidente del "Gruppo Sport" del Consiglio dell'UE, e da Yves Le-Lostecque, Capo dell'Unità Sport della Commissione Europea.

Il Rettore dell'Università Cattolica, Franco Anelli, pronuncerà un'allocuzione. 
Interverranno rappresentanti istituzionali e specialisti a livello europeo ed internazionale, provenienti, in particolare da: AAMS, Bundesliga CIO, Consiglio d'Europa, Cumbria University, EPFL, European Lotteries, Federazione Sistema Gioco Italia, FIFA, Guardia di Finanza, Interpol, Lega Serie B, OCSE, Ministero della Giustizia tedesco, Ministero dello Sport polacco, Sportaccord, Sportradar, Transparency International, UN-DOC, UK Gambling Commission, Università Cattolica di Milano. 
I lavori saranno conclusi da Antonio Naddeo, Capo del Dipartimento per gli affari regionali, le autonomie e lo sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
In concomitanza con il seminario è prevista la prima riunione del Gruppo di Esperti della Commissione Europea istituito dal Piano di lavoro Sport UE 2014-2017 adottato a Bruxelles il 21 maggio scorso.
Le pratiche illecite nello sport sono ormai tra le principali fonti di preoccupazione e discussione degli ultimi anni: doping, partite truccate, scommesse clandestine, coinvolgimento della criminalità organizzata, riciclaggio, corruzione nell'ambito di grandi eventi, violenza, discriminazione, razzismo. Il potenziamento della cooperazione nel settore dell'integrità sportiva rappresenta una componente fondamentale non solo per l'efficienza e l'efficacia delle attività di contrasto alla corruzione, ma più in generale per lo sviluppo delle potenzialità dello sport ai fini del progresso civile, sociale ed economico dell'Unione.
"L'integrità dello sport è tra le priorità del nostro semestre e siamo in prima fila per combattere il fenomeno del match fixing, così come di tutte le forme di corruzione, devianza e violenza nello sport" – ha dichiarato il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio, responsabile per lo sport.
"L'obiettivo di questo seminario" – ha proseguito Delrio – "non è solo fare il punto su un fenomeno sempre più preoccupante, ma anche di avviare un percorso virtuoso e concreto per l'interscambio delle buone pratiche in Europa, favorendo il confronto e la collaborazione tra tutti gli stakeholders: dagli operatori sportivi alle organizzazioni internazionali, dalle autorità di polizia e di regolazione al mondo delle università della società civile".

Sezione: News / Data: Lun 29 settembre 2014 alle 18:49 / Fonte: legaserieb.it
Autore: Carmine Roca / Twitter: @carm_roca
vedi letture
Print