Eccellenza - Ancora Russomanno: la Virtus vince ancora

26.01.2019 19:35 di Alfonso Marrazzo  articolo letto 253 volte
Eccellenza - Ancora Russomanno: la Virtus vince ancora

 L'aria di mare fa bene alla Virtus Avellino che, dopo aver sbancato il campo del San Vito Positano coglie la seconda vittoria in trasferta a Sorrento, in casa del Sant'Agnello. Si tratta della seconda affermazioneconsecutiva per i ragazzi di mister Rino Criscitiello, risultato che arriva per la prima volta in stagione e che si traduce in un balzo prepotente in classifica fuori dalla zona play out.

 

Partita dal doppio volto quella del Comunale di viale dei Pini. Nervosa la prima frazione con diverse ammonizioni e il giusto rosso per doppia irregolarità a Strianese e una Virtus Avellino sul pezzo capace di gestire e pungere. Ansiogena e poco convincente la seconda, con gli Irpini che, nonostante la superiorità numerica, soffrono oltremisura il ritorno del Sant'Agnello e finiscono con il fiatone una gara che potevano e dovevano chiudere nella prima frazione di gioco. 

 

Il nervosismo tra le due squadre è palpabile e al 12esimo un colpo involontario al volto subito da Lattarulo costringerà il corazziere irpino a giocare fino alla fine del match con la maglietta al contrario perché sporca di sangue. Al 14 esimo un'uscita avventurosa di Robertiello che fa venire i brividi alla Virtus. Ma nulla di più. Al 15esimo il primo giallo della gara è per Strianese che interviene con netto ritardo su Ammendola. Al 20esimo sale di giri la manovra della Virtus e una bella iniziativa di Caruso semina il panico sull'out di destra. Il baby avellinese serve Alleruzzo che allarga per Cucciniello. Il tiro del centrocampista però è troppo strozzato e non impensierisce Formisano. Al 26esimo una magia ancora di Cucciniello in area fa saltare tutti sul posto. Sombrero su Di Donna e assist al bacio per Russomanno che si allunga quel tanto che basta per battere Formisano. Inspiegabilmente la bandierina del guardalinee è alzata (nonostante il retro passaggio) e tutto viene vanificato. La Virtus continua a spingere e al 30esimo confeziona un'altra occasione importante. La squadra ospite affonda facile sull'out di destra ancora con Caruso. Il suo tiro viene ribattuto da una selva di gambe e da qualche mano. L'arbitro a pochi passi lascia proseguire. Al 32esimo la svolta del match. la Virtus passa con un colpo ad effetto di Russomanno che uccella Formisano colpendola palla di controbalzo su corner di Ammendola. La traiettoria della sfera diventa imprendibile, supera Formisano, sbatte sulla parte bassa della traversa e supera la linea di porta per il vantaggio bianconeroverde. Subito dopo la partita si incattivisce e vengono ammoniti Cucciniello e Piacente per un battibecco prolungato dopo un fallo di D'Alesio sullo Cucciniello. Al 36esimo una entrataccia di Lauro su Alleruzzo in mezzo al campo merita per l'arbitro solo il giallo. Ma è il preludio al rosso che arriva a Strianese due azioni dopo quando entra in maniera scomposta su Alleruzzo. L'inevitabile secondo giallo lo fa finire anzitempo sotto la doccia. 

A questo punto l'inerzia della gara inizia a spostarsi in favore dei costieri che al 42esimo in escano un fulmineo contropiede per potrebbe rimettere la gara sui binari giusti. Il tiro di Lauro, però, viene neutralizzato da un incredibile Robertiello che si distende al massimo e con le dita della mano destra devia in angolo. La Virtus perde contatto con la gara e al 46esimo concede un altro contropiede a Lauro. Pascuccio lo mette a terra e si becca anche lui il giallo. Sulla punizione di Veniero un altro intervento da Campione di Robertiello porta le squadre negli spogliatoi. 

 

Il Sant'Agnello riparte con Zurino e Nocerino che entrano al posto di Formisano e Liguori e al 52esimo effettua anche il terzo cambio con Frulio che entra per Ascione. I padroni di casa potrebbero pareggiare un minuto dopo ma il tiro di Mosca che incrocia di destro non sorprende Robertiello e finisce sulla parte alta della traversa. Al 55esimo ancora sugli scudi il portierone irpino che ipnotizza Mosca e respinge il suo tiro centrale. Il primo cambio della Virtus al 66esimo con Modano che prende il posto di Caruso. Al 68esimo con una magia Ammendola lascia sul posto Alfano e fa partire il suo destro, ma stringe troppo il colpo e la palla finisce fuori. Due minuti dopo lo stesso playmaker irpino viene ammonito per fallo tattico su D'Alesio. Al 73 ammonito Frulio. Al 76esimo escono i nervosissimi D'Alesio e Lauro per far posto a Di Giulio ed Esposito. La Virtus continua a macinare terreno tenendo lontani gli avversari dall'area di rigore. Al 82esimo entra De Simone al posto di uno stremato Petruccione. Ma è ancora Robertiello che al 93esimo compie un altro paratone su Fiorentino e mette i tre punti in ghiaccio.