copertina

L’Avellino e l’incognita Sudtirol: vincere per ipotecare la semifinale playoff. Presentazione e probabile formazione

L’Avellino e l’incognita Sudtirol: vincere per ipotecare la semifinale playoff. Presentazione e probabile formazione

Altro giro, altra corsa. Da un avversario conosciuto e affrontato durante la stagione e in passato, a uno totalmente nuovo, mai sfidato e per questo portatore di dubbi e insidie. L'Avellino si presenta all'esame Sudtirol con il vento in...

redazione TuttoAvellino

Altro giro, altra corsa. Da un avversario conosciuto e affrontato durante la stagione e in passato, a uno totalmente nuovo, mai sfidato e per questo portatore di dubbi e insidie. L'Avellino si presenta all'esame Sudtirol con il vento in poppa per la vittoria qualificazione ottenuta mercoledì contro il Palermo, ma anche con oltre 180 minuti di fatica accumulati nelle gambe. Gli stessi che il Sudtirol ha provato a smaltire nei tre giorni di preparazione dopo il successo di misura sulla Pro Vercelli, che ha consentito di annullare il ko dell'andata con risultato uguale. 

Piero Braglia ha tenuto tutti sulla corda, ha coccolato Laezza e Luigi Silvestri e pungolato Errico. Tutti sono importanti in questa doppia sfida, tutti dovranno mettersi a disposizione per spingere l'Avellino verso il traguardo della semifinale. Non ci sono alternative, come mercoledì scorso: i lupi dovranno vincere almeno una delle due partite e segnare più gol dell'avversario in caso di sconfitta. Con due pareggi passa il Sudtirol, con una vittoria e una sconfitta con lo stesso numero di reti (1-0 e 0-1, 2-1 e 1-2, 1-0 e 1-2...) passa il Sudtirol. 

Braglia non dovrebbe rivoluzionare l'undici di partenza, dando fiducia ancora al terzetto difensivo formato da Laezza, Dossena e Illanes, nonostante il rientro di Miceli. In porta gioca Forte, insuperabile contro il Palermo, a centrocampo Carriero, Aloi e D'Angelo, l'uomo qualificazione, con Ciancio e Tito sulle corsie esterne. Mancherà Baraye, che dovrà scontare il secondo turno di squalifica, mentre le novità potrebbero esserci in attacco. 

Fella ha disputato una gara di grande sacrificio mercoledì scorso ma ha divorato la chance per il raddoppio; Maniero ha sfornato una giocata straordinaria con tanto di assist per D'Angelo, ma ha finito la partita stremato. Le alternative, però, non convincono appieno: Santaniello e Bernardotto sembrano in fase calante ed ecco che Braglia potrebbe spegnere ogni dubbio riproponendo la stessa coppia d'attacco formata da Fella e Maniero. Occhio, poi, alle ammonizioni. In sei sono in diffida, in caso di giallo Carriero, Aloi, Dossena, Laezza, Fella e Ciancio salteranno la gara di ritorno.

Probabile formazione:

AVELLINO (3-5-2): Forte; Laezza, Dossena, Illanes; Ciancio, Carriero, Aloi, D'Angelo, Tito; Fella, Maniero. A disp.: Pane, Leoni, Rocchi, Miceli, L. Silvestri, M. Silvestri, De Francesco, Rizzo, Adamo, Errico, Santaniello, Bernardotto. All.: Braglia.