Alessandro Laricchia, amministratore unico del Monopoli, dopo aver dato ieri a Radio Punto Nuovo la notizia del rinvio della partita contro l'Avellino, approfondisce oggi la questione a Prima Tivvù: "Avremmo voluto giocare perché siamo convinti che il virus è ovunque e nelle prossime settimane i non contagiati avranno comunque dei problemi. Con la Viterbese già eravamo 15-16 con qualche 2003 aggregato, ci sono stati 2 infortuni più un'espulsione, non abbiamo quindi il numero minimo per fare una partita. Abbiamo optato per il rinvio e recuperare almeno una parvenza di squadra. Per come andranno le cose io sono convinto che il campionato sia condizionato dal virus e dalla regolamentazione che impone di giocare sempre ma voglio vedere a fine anno se i verdetti saranno quelli regolari.

Fella? Un ragazzo per bene, quando lo prendemmo era disoccupato, aveva fatto 11 gol a Cava e l'anno prima 11 in D e non ci spiegavamo perché era libero. Spesso sono giocatori con un carattere particolare, ma fin da subito Giuseppe si è dimostrato un bravissimo ragazzo, per una società come Monopoli è fondamentale, ma anche un ottimo giocatore. Tanto che quando giocammo contro la Cavese chiesi al loro direttore Santorelli come mai lo avessero lasciato andare via, loro mi spiegarono che l'attuale ds aveva avuto dei contrasti. Fu la nostra fortuna e sarà anche la fortuna dell'Avellino se lo si mette in condizione di esprimere le proprie doti, ha qualche piccolo limite caratteriale ma se si mette nelle condizioni di giocare come sa non c'entra niente con la C, e lo dimostra la qualità dei gol che sta facendo ad Avellino. Anche con noi segnò in rovesciata contro il Francavilla, non è nuovo a questi numeri e giocatori come lui in C ce ne sono pochi. Braglia ha l'esperienza per farlo rendere al meglio, arriverà sicuramente in doppia cifra".

Sezione: L'Avversario / Data: Ven 13 novembre 2020 alle 13:14
Autore: redazione TuttoAvellino / Twitter: @tuttoavellinoit
Vedi letture
Print