Guido Ugolotti, attuale allenatore del Benevento, ai microfoni di Ottopagine si è spogliato per un attimo delle vesti di tecnico dei sanniti e ha rivestito quelle dei Lupi, con i quali giocò nel 1980: "Era la prima volta che andavo via da Roma: ero ad Avellino per farmi le ossa. Fu l'anno del mio matrimonio e già questo mi permette di non dimenticare quell'annata. Purtroppo mi infortunai al ginocchio e giocai soltanto 13 partite: fui sfortunato. Ci fu poi il terremoto in Irpinia: come dimenticarlo? Sono ricordi che non si ancellano anche per la doppietta che segnai all'Ascoli nel 4 a 2, il giorno del terremoto. Partimmo con un meno cinque in classifica a causa del calcioscommesse e ci salvammo con grande autorità".



"Tornare al Partenio sarà bello e darà una grande emozione, nonostante siano passati 32 anni. Oggi son sulla panchina del Benevento e ora mi interessa fare bene con questa squadra. Giocare un derby con queste motivazioni aumenta gli stimoli per tutti".

Sezione: L'Avversario / Data: Mer 17 ottobre 2012 alle 12:20
Autore: Mario Petillo
vedi letture
Print