Caiata (pres. Potenza): "Con 700 morti al giorno è da pazzi pensare di giocare. 58 club non vogliono farlo"

07.04.2020 11:59 di redazione TuttoAvellino Twitter:    Vedi letture
© foto di Salvatore Colucci
Caiata (pres. Potenza): "Con 700 morti al giorno è da pazzi pensare di giocare. 58 club non vogliono farlo"
Fosse per il presidente del Potenza, Salvatore Caiata, il campionato di Serie C sarebbe già finito da giorni: "Siamo un popolo di pazzi a parlare ancora di calcio. Ci sono 600-700 persone al giorno che muoiono - riporta TuttoPotenza - e non possiamo guardare avanti ad ogni costo. Siamo a metà aprile, è oggettivo pensare che non si può giocare più. La verità è che manca la leadership forte che dica che non si può più scendere in campo: basta solo il buon senso, in Lega Pro non si può giocare. Ci sono 58 presidenti di squadre di Serie C su 60 che preferirebbero chiudere qui la stagione. Promozioni? Se non si assegna la Champions, trovo assurdo assegnare le altre posizioni e così a cascata. Tutte le Leghe devono fare promozioni e retrocessioni, ma serve che qualcuno stabilisca un principio e lo si applichi".