Il commento tecnico di Massimo Piscedda, allenatore di "B Italia", sulle "promesse" che si sono ben distinte in queste due ultime giornate (la 4a e la 5a). 
In quest'ultima giornata (la 5a del girone d'andata) c'è da sottolineare che è calato il numero dei gol. Sabato ne sono stati segnati 30. Quindi, una mentalità più offensiva. Poi tre giorni dopo la tendenza generale è stata quella del "contenimento". Ne sono state realizzate circa la metà. Giocando dopo tre giorni la stanchezza fisica e mentale si è fatta sentire. E ogni squadra tende a mantenere quello che ha fatto nella partita precedente.

Ci sono stati dei giovani che si sono particolarmente distinti. 
Confermiamo Alberto Cerri (Lanciano - classe '96), che riesce sempre e comunque a segnare. Vittorio Parigini, lo stesso, è un giovane interessante. Gioca nel Perugia (leader provvisorio della classifica, nda), anch'egli classe '96. C'è un ragazzo, poi, che ha esordito sabato scorso: Mattia Caldara (classe '94) a Trapani.
E due giovani portieri del '94: Ivan Provedel del Perugia e Stefano Minelli del Brescia. Molti giovani, quindi, che giocano, ci credono e vengono confermati. E' un pò la filosofia della serie B, che ciascuno dei club ha ormai "sposato". Complimenti a chi scommette sui giovani, ma, soprattutto, li fa giocare. 
 

Sezione: News / Data: Gio 25 settembre 2014 alle 22:35
Autore: Pasquale Nappo
vedi letture
Print