Eccellenza - Solofra, Fiume: "Una retrocessione inaspettata"

10.06.2019 10:29 di Alfonso Marrazzo   Vedi letture
Eccellenza - Solofra, Fiume: "Una retrocessione inaspettata"

 Una stagione difficile culminata con una retrocessione inaspettata ma nonostante tutto il matrimonio tra il Solofra ed il tecnico Rocco Fiume continuerà anche in Promozione.

Il tecnico ha analizzato la stagione appena trascorsa sottolineando come l’ultimo posto in classifica abbia sorpreso un po’ tutti: “Purtroppo a volte capita durante la stagione di andare incontro a situazioni impreviste che sconvolgono i piani cambiando la stessa radicalmente”.

Un buon inizio non è bastato: “Noi eravamo partiti, visto la rosa ristretta, per una salvezza sofferta e fino ad un certo punto eravamo in linea con l’obiettivo. Poi -sottolinea- la squalifica di Catalano e l’infortunio di Della Ventura, punti cardini di una squadra giovane, ci hanno messo in grossa difficoltà”.

Ininfluente anche il mercato di riparazione: “Nonostante la squadra sia stata rifatta a dicembre le cose non sono cambiate, non riuscendo mai a superare le difficoltà”. Altro ostacolo le strutture: “Una stagione estenuante sotto questo punto di vista. Basti pensare che ci allenavamo a Siano e giocavamo a Pratola Serra, a circa un centinaio di chilometri di distanza, disputando, difatti, un intero campionato in trasferta”.

Ad un certo punto della stagione le strade di allenatore e società si sono però divise: “A inizio girone di ritorno sono andato via di mia spontanea volontà perché vista la situazione ho preferito rimettere la carica nelle mani della società”. Scelta dettata dai sentimenti: “Il mio è stato un gesto d’amore perché sono legato da tantissimi anni a questa società ed ero convinto che la squadra potesse essere salvata”.

Il presidente però non ha mai smesso di credere in lei: “La società mi ha dato fiducia ritenendo importante il lavoro da me svolto e mi ha richiamato rinnovandomi addirittura il contratto nonostante la retrocessione”. Un occasione per riscattarsi: “Essere riconfermati soprattutto dopo una retrocessione non è semplice. Il prossimo anno le pressioni saranno sicuramente maggiori perché bisognerà ripagare la fiducia di chi ha voluto la mia conferma”.

Un campionato importante attende il Solofra: “In realtà il presidente non mi ha dato un obiettivo specifico ma sicuramente punteremo ad un campionato di vertice che ci possa permettere di lottare con le altre per un posto in Eccellenza”.