Smaltita l'euforia per la vittoria di Latina è già tempo di vigilia in casa Avellino. Domani sera, infatti, i Lupi saranno di scena a Frosinone. Come sempre a presentare il match è Massimo Rastelli. Il tecnico biancoverde ha esordito così tornando sulle dichiarazioni di "Davide e Golia": "Oggi voglio ribadire il concetto. So che venerdì si è creato un tam tam tra i tifosi che si sono sentititi un po' offesi. Voglio chiarire che con le mie dichiarazioni non c'entravano nulla con la storia del Latina e dell'Avellino. Era riferita soltanto al momento in cui affrontavamo una squadra creata per la A e noi a cui mancavano anche giocatori come D'Angelo, Fabbro ed Ely. Inoltre Davide aveva battuto Golia ed io prima della conferenza avevo detto alla squadra che avremmo vinto al Francioni. Le conferenze poi servono anche come strategia e io volevo far credere all'avversario che fosse più forte. Mi dispiace che la gente si sia offesa, non era mia intenzione". Sulle partite ravvicinate: "Oggi e domani prepareremo la partita di domani sera. Già ieri abbiamo visto qualche partita del Frosinone. Dobbiamo gestire le forze e parlare con la squadra per capire chi mandare in campo". Ritornando sulla partita di sabato con un Avellino più equilibrato: "Noi non siamo andati a Latina pensando soltanto a non prenderle. Abbiamo iniziato male subendo gol subito, poi piano piano abbiamo iniziato a giocare. Questo sarebbe successo anche sullo 0-0. Non a caso siamo una delle squadre, rispetto allo scorso anno, che ha più possesso palla.

Abbiamo fatto una mezz'ora finale del primo tempo veramente ottima creando diverse occasioni come il gol che ancora non so come mai sia stato annullato. Poi abbiamo pareggiato e ci siamo resi conto che il Latina era meno dinamico del solito e ci abbiamo creduto. Comi ci ha dato molto". Su Koné davanti alla difesa: "In ritiro lo avevo provato però il ragazzo preferiva giocare mezz'ala, quindi non avevo insistito più di tanto giocando con Arini che lo scorso anno aveva dato tantissimo. Poi, mi sono reso conto che Koné lì ci poteva dare di più e gli ho chiesto di sacrificarsi". Sul Frosinone: "Adesso affrontiamo una squadra diversa dal Latina. Una squadra molto offensiva, propositiva che ha molta gamba e entusiasmo dopo la promozione. Dobbiamo prepararla in maniera diversa". Su Castaldo: "Giocherà". Su Vergara: "Come ho detto qualche tempo fa, ho la fortuna di vedere questi ragazzi ogni giorno, quindi posso capire quando buttarli nella mischia. Questo ragazzo ha tante qualità però non dimentichiamoci che viene da un anno fermo e che sia al primo anno reale da professionista. Sull'errore che ha fatto nel primo tempo penso si ricorderà per sempre le mie parole. Lui fa queste leggerezze perché ha tanta personalità". Sul supporto dei tifosi: "Sono eccezionali. Ci sono sempre vicini. Il ricordo ancora l'esodo di due anni fa e la curva piena. Anche domani ci saranno come sempre vicini". 

Sezione: Copertina / Data: Lun 22 settembre 2014 alle 10:05
Autore: Pasquale Nappo
vedi letture
Print