focus

Porcari: “L’Avellino può ribaltare il risultato dell’andata. La carica dei tifosi servirà”

L'ex centrocampista dell'Avellino, Filippo Porcari, ha parlato a Radio Punto Nuovo in merito alla gara tra Avellino e Palermo di questa sera, affermando come i lupi possano ribaltare la gara dell'andata.  Queste le sue parole:...

Marco Costanza

L'ex centrocampista dell'Avellino, Filippo Porcari, ha parlato a Radio Punto Nuovo in merito alla gara tra Avellino e Palermo di questa sera, affermando come i lupi possano ribaltare la gara dell'andata. 

Queste le sue parole: "Ricordo dei playoff del 2007? Sono passati tanti anni ma non si cancellerà mai dalla testa. Ero giovane ma quelli del 2007 erano i primi playoff che vincevo con i lupi. E' normale che gare del genere con il pubblico sono tutta un'altra storia, danno quella carica in più. Una squadra come l'Avellino però, può ribaltare facilmente il risultato domani, anche perchè basta un solo gol, quindi non è chissà quale impresa da fare, basta vincere". La carica dei tifosi: "Già il fatto di sapere che i tifosi sono con te, anche se non sono allo stadio, per un giocatore è importante, e ti dà quel fattore in più per portare a casa il risultato. Fecero qualcosa anche con noi 14 anni fa, lo ricordo bene". Gara di andata nervosa: "Sì i playoff sono così, la foga ci deve stare, ma bisogna saper trattenere l'impeto. Ci vuole la cattiveria agonistica giusta. Sarà una partita dura ma sono convinto che l'Avellino può fare una bella figura e vincere. Lotta tra allenatori sulla dialettica? Ci sta, anche così si vincono le partite, le cose che si dicono fuori però vengono tenute fuori, ma in mezzo al campo poi vanno i giocatori". Vincere per forza: "Se si va in campo per gestire due risultati su 3 non è la giusta mentalità. E' normale che ora dovendo vincere, l'Avellino deve sbilanciarsi di più, ma credo che Braglia sappia come gestire la gara. Alla fine, vedi con Taranto e Foggia, puoi segnare pure al 90' per passare". Su Errico: "I giocatori non li ho seguiti molto e non li conosco bene, ma conosco Braglia, è un allenatore forte, un allenatore vero e credo che darà all'Avellino quel piglio in più per andare avanti". Carica ai tifosi: "Già il fatto che sono vicini alla squadra vuol dire che ci credono e questo è fondamentale. Ora bisogna vincere e se vai in campo con la mentalità giusta. L'Avellino ha dimostrato di essere più forte del Palermo, nonostante il grande nome dell'avversaria".