Il Mattino oggi torna sull'episodio che ha visto ieri protagonista il responsabile delle giovanili Giuliano Capobianco, minacciato dai genitori perché alcuni ragazzi non sono entrati in campo durante la partita dell'Under 17 con il Potenza, per la cronaca finita 2-2 ma col risultato che in questi casi passa in secondo piano. "“Se l’allenatore non fa entrare mio figlio ti taglio la testa e la metto in una valigia”. Poi il tentativo di aggressione. Il padre che ha cercato di venire a contatto con Capobianco è stato fatto desistere non senza difficoltà dai presenti sul posto" è la ricostruzione del quotidiano, che aggiunge: "Capobianco sporgerà denuncia, ma il fatto di cronaca non è l’unico di cui è rimasto vittima chi orbita intorno alla società irpina.

Sempre sabato, allo stadio “Partenio-Lombardi”, si è infatti registrato un tentativo di aggressione nei confronti di un’altra figura che opera nel settore giovanile: un pugno sferrato e non andato a bersaglio. Il motivo? Il mancato sostegno per favorirne l’impiego attraverso un pubblico e privato elogio delle sue gesta. Parole d’encomio che il soggetto rimasto coinvolto nella tentata aggressione non avrebbe speso e che avrebbe spinto il genitore di un altro ragazzo a rispondere a un saluto, in Tribuna Montevergine, con una reazione spropositata: offese e tentativo di arrivare alle mani per una sorta di inspiegabile regolamento di conti". 

Sezione: Focus / Data: Lun 03 ottobre 2022 alle 11:40
Autore: redazione TuttoAvellino / Twitter: @tuttoavellinoit
vedi letture
Print